Moduli | Articoli

Modello interrogatorio formale attore

1 Aprile 2022 | Autore:
Modello interrogatorio formale attore

In un processo civile, la confessione dell’attore può avvenire a seguito di interrogatorio formale.

Nel processo civile, l’interrogatorio formale è lo strumento attraverso il quale è possibile provocare la confessione di una delle parti. In particolare, si parla di interrogatorio formale dell’attore quando il convenuto chiede al giudice di interrogare detta parte su specifiche domande da lui stesso indicate. Il convenuto deve presentare la richiesta nei termini previsti dal Codice di procedura civile per le istanze istruttorie oppure nella comparsa di costituzione e risposta. In riferimento a quest’ultima ipotesi, è possibile utilizzare il modello di interrogatorio formale dell’attore che si trova in calce al presente articolo.

Il giudice, se ammette la richiesta, deve porre i quesiti formulati dal convenuto e le affermazioni rilasciate dall’attore hanno valore di prova se sono a suo svantaggio. In sostanza, l’interrogatorio formale è finalizzato a far dichiarare circostanze sfavorevoli alla parte che vi è sottoposta, anche in maniera involontaria, facendola incorrere in contraddizioni o in riconoscimenti delle ragioni altrui.

Come si fa l’interrogatorio formale dell’attore?

Al pari della prova testimoniale, l’interrogatorio formale dell’attore deve essere dedotto in articoli specifici e separati. A tal fine, il convenuto deve indicare i capitoli di prova, ovvero le domande che il giudice deve formulare all’attore.

I capitoli di prova possono essere uguali o diversi da quelli articolati per la prova testimoniale. Le modalità e i termini dell’interrogatorio formale dell’attore sono stabiliti dal giudice nell’ordinanza di ammissione.

L’attore deve rispondere personalmente alle domande e non può servirsi di scritti separati; tuttavia, il giudice può consentire che la parte consulti note o appunti, in particolar modo se deve fare riferimento a nomi o a cifre o quando particolari circostanze lo rendono opportuno.

Non possono essere fatte domande diverse da quelle ammesse tranne se le parti concordino su determinati quesiti aggiuntivi e sempre che il giudice li ritenga utili [1].

Il giudice può chiedere, però, chiarimenti rispetto alle risposte date dall’attore in sede di interrogatorio formale.

Dopo essere stato interrogato formalmente, l’attore firma il verbale a conferma di quanto dichiarato.

Cosa può succedere durante l’interrogatorio formale dell’attore?

Una volta che è stato ammesso l’interrogatorio formale, se l’attore non si presenta all’udienza all’uopo fissata o si rifiuta di rispondere senza giustificato motivo, il giudice può considerare come ammessi i fatti dedotti nell’interrogatorio, valutandoli, in ogni caso, unitamente ad ogni altro elemento di prova.

La mancata risposta comunque non equivale a una confessione ma viene lasciata al prudente apprezzamento del giudice.

Se la mancata comparizione è giustificata, il giudice può disporre che l’interrogatorio formale venga assunto fuori dalla sede giudiziaria.

Interrogatorio formale dell’attore: che esito può avere?

L’esito dell’interrogatorio formale dell’attore dipende dalle risposte fornite e dal contegno tenuto dalla parte; pertanto, se:

  1. l’attore confessa, rilasciando delle dichiarazioni a lui sfavorevoli, le stesse assumeranno valore di confessioni ed il giudice le dovrà considerare vere con valore di prova vincolante;
  2. l’attore non confessa, non si determina alcun effetto rilevante poiché non acquistano alcuna efficacia probatoria in giudizio le dichiarazioni che la parte compie in suo favore.

Approfondimento

Sullo stesso argomento è consigliata la lettura dell’articolo “Cos’è l’interrogatorio formale?”.


MODELLO INTERROGATORIO FORMALE ATTORE

TRIBUNALE CIVILE DI _______________

COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA

Per il Sig. _______, nato a ________ il _____, residente in ________, via ______, codice fiscale _________, rappresentato e difeso nel presente giudizio in virtù di procura in calce al presente atto, dall’Avv._______, codice fiscale_______, presso il cui studio in ________, via_________ è elettivamente domiciliato, il quale ai sensi dell’art. 133, comma 3, e dell’art. 134, comma 3, c.p.c. dichiara di volere ricevere comunicazioni all’indirizzo pec_______ o al numero di tel/fax__________

CONVENUTO

CONTRO

Il Sig.________, codice fiscale ______, domiciliato in _____, via __, rappresentato e difeso dall’Avv. ________, codice fiscale ___________

ATTORE

* * * * * * * * * * * *

Con atto di citazione ritualmente notificato in data ______, il Sig.____ conveniva in giudizio il Sig._______, dinanzi all’intestato Tribunale, per sentire accogliere le seguenti conclusioni: ___________.

Assumeva parte attrice che parte convenuta ____________.

Dichiarava, inoltre, l’attore che ______________.

Tutto ciò premesso con il presente atto si costituisce ritualmente in giudizio l’istante come in epigrafe rappresentato e difeso dal sottoscritto procuratore, il quale impugna e contesta tutto quanto dedotto ed eccepito dall’attore nei proprio scritti difensivi.

In via preliminare la parte convenuta eccepisce con riferimento alle eccezioni processuali e di merito non rilevabili d’ufficio quanto segue:____________.

Nel merito la domanda è comunque infondata in fatto e in diritto e, pertanto, deve essere respinta.

L’attore assume con l’atto introduttivo circostanze non esatte, essendo vero che _________ (trattare le questioni di diritto afferenti ai fatti per cui è causa calibrando i richiami legislativi, dottrinali e giurisprudenziali e dando particolare rilievo ai principali orientamenti della Suprema Corte di Cassazione).

È del tutto priva di qualsiasi fondamento la domanda formulata nei confronti del convenuto per i motivi suesposti.

Tutto quanto sopra premesso il Sig.__________come in epigrafe rappresentato e domiciliato rassegna così le proprie

CONCLUSIONI

Voglia l’On.le Tribunale adito, respinta ogni ulteriore e difforme istanza:

  • in via preliminare accogliere tutte le eccezioni rilevate in premessa;
  • nel merito, rigettare la domanda attrice perché infondata in fatto e in diritto con conseguente condanna al pagamento delle spese competenze e onorari del presente giudizio.

In via istruttoria si producono i seguenti documenti:

  1. ______________;
  2. ______________;
  3. ______________.

Si chiede, inoltre, l’ammissione dell’interrogatorio formale dell’attore sui seguenti capitoli:______________ (elencare i capitoli dell’interrogatorio formale, eventualmente richiamando i punti in cui è articolata la parte narrativa del fatto, premessa la locuzione “Vero che…”, espunti eventuali valutazioni o aggettivi).

Sugli stessi capitoli si richiede altresì l’ammissione della prova testimoniale dei signori: _____________(indicare le generalità, la residenza o il domicilio delle persone in grado di rendere testimonianza sui fatti di causa).

Con riserva di integrare ed articolare ulteriormente i mezzi istruttori che si renderanno necessari.

Luogo e data_________

Avv. _________________

note

[1] Art. 230 cod. proc. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube