Diritto e Fisco | Articoli

Casa coniugale alla moglie coi figli anche se si risposa

16 Luglio 2014 | Autore:
Casa coniugale alla moglie coi figli anche se si risposa

L’assegnazione dell’abitazione spetta solo a tutela dell’interesse della prole a vivere nell’originario habitat; perciò, il mutamento della condizione di vita del genitore assegnatario, causato da una nuova convivenza o da un matrimonio, non influisce sull’interesse dei figli a mantenere il legame con la casa familiare.

 

Con la separazione dei coniugi, il giudice assegna la casa coniugale al genitore presso il quale vengono collocati i figli (di norma, la madre). L’ex coniuge, titolare dell’immobile, potrà ottenerne la restituzione solo se la prole sia divenuta economicamente autosufficiente o sia andata a vivere altrove o la madre non utilizzi più detta dimora come residenza abituale.

Al contrario, nell’ipotesi in cui l’assegnatario/a si risposi o conviva, in quella stessa casa, con un’altra persona, non è possibile ottenere la restituzione del tetto coniugale.

A questa conclusione è pervenuta una sentenza della Cassazione di ieri [1].

Dunque, se l’ex moglie (o marito) ha iniziato una seconda relazione, di fatto dando vita a una nuova famiglia, non si configura una condizione per la revoca dell’assegnazione della casa.

Infatti, a ben vedere, in tema di assegnazione della casa familiare, la legge [2] tutela l’interesse prioritario della prole a permanere nell’habitat domestico, a prescindere quindi dall’evolversi dei rapporti personali o patrimoniali tra gli ex sposi e dall’eventuale ingresso di terzi soggetti che coabitano lo stesso tetto [3].

Solo dimostrando che la presenza del nuovo convivente risulta nociva o diseducativa per i figli si può ottenere un provvedimento di revoca dell’attribuzione dell’immobile.

Da ciò deriva l’impossibilità di un’automatica revoca dell’assegnazione della casa ove l’assegnatario conviva di fatto o per sopravvenuto matrimonio.


note

[1] Cass. sent. n. 16171/2014.

[2] Art. 337 sexies cod. civ.

[3] Cfr. a riguardo C. Cost. sent. n. 308/2008.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube