Business | Articoli

Benefici fiscali per Start-up innovative e PMI innovative

1 Luglio 2015
Benefici fiscali per Start-up innovative e PMI innovative

Cosa si intende per Start-up innovativa e PMI innovativa e quali sono i benefici previsti dal fisco per chi investe in tali società.

Sentiamo sempre più spesso parlare di Start-up innovative e di PMI innovative, spesso per via dei grossi vantaggi fiscali previsti dalla legge per chi investe in tali strutture societarie. Ecco allora una veloce e schematica guida che illustra queste nuove realtà della nostra economia e i benefici ad esse collegati.

START-UP INNOVATIVA

L’impresa start-up innovativa è la società di capitali costituita anche in forma cooperativa le cui azioni o quote non sono quotate ma risponde ai seguenti requisiti:

– è costituita e svolge attività di impresa da non più di 60 mesi;

– è residente in Italia o in un Paese UE purché abbia una sede produttiva o una filiale in Italia;

– il totale del valore della produzione annua, così come risultante dall’ultimo bilancio approvato entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio non è superiore a 5 milioni di euro;

– non distribuisce e non ha distribuito utili;

– ha, come oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;

– non è stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di rampo di azienda;

– possiede almeno uno dei seguenti ulteriori requisiti:

1) le spese in ricerca e sviluppo (R&S) sono uguali o superiore al 15% del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione;

2) impiega come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore a 1/3 della forza lavoro complessiva, personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca oppure in possesso di laura e che abbia svolto, da almeno 3 anni, attività di ricerca certificata ovvero, in percentuale uguale o superiore a 2/3 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale;

3) titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale (marchi, brevetti, ecc.) relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografica di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale oppure titolare dei diritti relativi a un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, purché tali privative siano direttamente afferenti all’oggetto sociale e all’attività d’impresa.

PMI INNOVATIVA

Per piccole e medie imprese innovative, di seguito PMI innovative, si intende la PMI che possiede i seguenti requisiti:

– è residente in Italia o in altro Paese UE purché abbia una sede produttiva o una filiale in Italia;

– è una società di capitali, costituita anche in forma cooperativa;

– ha conseguito la certificazione dell’ultimo bilancio e dell’eventuale bilancio consolidato;

– non ha azioni quotate su un mercato regolamentato;

– non è iscritta al registro delle start-up innovative;

– possiede almeno uno dei seguenti ulteriori requisiti:

1) le spese in ricerca e sviluppo (R&S) sono uguali o superiori al 3% del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione;

2) impiega come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore a 1/5 della forza lavoro complessiva, personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno 3 anni, attività di ricerca certificata ovvero, in percentuale uguale o superiore a 1/3 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale;

3) titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale (marchi, brevetti, ecc.) relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografica di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale oppure titolare dei diritti relativi a un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, purché tali privative siano direttamente afferenti all’oggetto sociale e all’attività d’impresa.

Quali sono gli incentivi fiscali per chi investe in start-up e pmi-innovative?

Le persone fisiche possono detrarre ai fini Irpef un importo pari al 19% della somma investita (direttamente oppure per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio o altre società che investano prevalentemente in start-up innovative o PMI innovative). L’investimento massimo detraibile non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 500.000 euro e deve essere mantenuto per almeno due anni.

Invece, le persone giuridiche possono detrarre ai fini Ires un importo pari al 20% della somma investita (direttamente oppure indirettamente tramite organismi di investimento collettivo del risparmio o altre società che investano prevalentemente in start-up innovative o PMI innovative). L’investimento massimo deducibile, in questo caso, non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 1.800.000 euro e deve essere mantenuto per almeno due anni.

Per le imprese innovative cosiddette “a vocazione sociale[1] e per le imprese che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico, la detrazione per le persone fisiche aumenta al 25% della somma investita e la deduzione per le spese giuridiche aumenta al 27% della somma investita.

Gli incentivi fiscali sono validi per tutti gli investimenti in imprese innovative effettuati negli anni fiscali 2013, 2014, 2015 e 2016.

In pratica, per la persona fisica, soggetta appunto all’Irpef, è possibile detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 19% (25% nel caso di start-up innovative a vocazione sociale o che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico), della somma investita nel capitale sociale di una o più start-up o OMI innovative, fino a un massimo di investimento di € 500.000 in ciascun periodo d’imposta e pertanto con detrazione massima di € 95.000 (e di 125.00 nel caso di start-up innovative a vocazione sociale o che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube