Diritto e Fisco | Articoli

Emergenza in auto in galleria: cosa fare?

4 Aprile 2022 | Autore:
Emergenza in auto in galleria: cosa fare?

Incendio, guasto, incidente stradale: come comportarsi quando si crea una situazione di pericolo all’interno di un tunnel.

Molti automobilisti temono di fare la famosa fine del topo: restare bloccati con la macchina in galleria a causa di una coda, di un guasto o, peggio ancora, di un incidente non è proprio una bella esperienza, soprattutto quando il tratto coperto è molto lungo e non si vede l’uscita né da una parte né dall’altra. In caso di emergenza in auto in galleria, cosa fare? Come comportarsi? Meglio restare dentro il veicolo o avviarsi, anche a piedi, verso una via di fuga?

Una delle situazioni più pericolose si presenta quando, in seguito ad un incidente, divampa un incendio all’interno del tunnel. Primo, perché le fiamme possono raggiungere facilmente le altre auto e provocare dei danni ancora più gravi. E poi, perché non essendo un tratto di strada a cielo aperto, il fumo che si accumula può intossicare gli automobilisti. Bene, quindi, avere presente cosa fare in caso di emergenza in auto in galleria. Vediamo come reagire di fronte alle varie situazioni.

Emergenza in galleria: cosa fare in caso di incendio?

Partiamo proprio da una delle emergenze più pericolose in galleria, cioè quella dell’incendio. Va premesso, come fa notare qualche amministrazione territoriale, che per legge le gallerie devono essere sempre ben illuminate, areate e attrezzate di tutte le misure di sicurezza necessarie ma, purtroppo, l’incolumità degli automobilisti non è mai garantita al 100%.

Prima di sapere cosa fare in caso di incendio in galleria, bisogna essere consapevoli di quello che non bisogna fare, cioè di come evitare di creare questa situazione di pericolo. Le regole sono quelle basilari: osservare i limiti di velocità, mantenere le distanze di sicurezza dalle altre auto, togliere gli occhiali da sole all’ingresso del tunnel, fare attenzione ai cartelli e ai semafori che segnalano all’interno della galleria eventuali corsie su cui è vietato circolare. È opportuno anche osservare dove si trovano le rientranze per la sosta, le colonnine per chiamare i soccorsi in caso di emergenza, le vie di fuga, cioè le uscite di sicurezza in caso di incendio.

Se dentro il tunnel scoppia un incendio, la prima cosa da tenere a mente è che l’automobilista deve tentare di salvare sé stesso e non la propria auto. L’automobilista che avverte un principio di incendio nella sua macchina deve accendere le quattro frecce e tentare, finché non rischia la pelle, di portare il veicolo fuori dalla galleria. In caso contrario, cioè se questa manovra non è possibile, l’auto deve essere accostata sulla destra o in una delle rientranze per la sosta. Il motore va spento e le chiavi devono essere lasciate inserite nel cruscotto. Dopodiché, si scende dall’auto indossando il giubbotto catarifrangente, dopo aver verificato che non arrivi un’altra macchina e che, quindi, non si rischia di essere investiti. Si chiamano i soccorsi con il cellulare o da una delle colonnine di emergenza, nel caso si trovasse in una posizione vicina. Se le fiamme divampano in fretta o si sprigiona troppo fumo, va cercata subito un’uscita di sicurezza per abbandonare la galleria.

Se la macchina è di un altro conducente e si vede che si trova in difficoltà, va aiutato a compiere le manovre appena citate. Quello che è assolutamente vietato è tentare di fare retromarcia o inversione per uscire dalla galleria da dove si è entrati.

In sintesi, in caso di incendio della propria auto in galleria il conducente deve:

  • accendere le quattro frecce;
  • tentare di portare l’auto fuori dal tunnel o, se fosse impossibile, accostare a destra o in uno spazio per la sosta;
  • spegnere il motore;
  • indossare il giubbotto catarifrangente;
  • scendere dall’auto in condizioni di sicurezza;
  • chiamare i soccorsi;
  • abbandonare la galleria se le fiamme divampano in fretta o c’è troppo fumo.

Emergenza in galleria: cosa fare in caso di guasto?

Se il problema che crea una situazione di emergenza in galleria è un guasto, l’automobilista deve:

  • accendere le quattro frecce;
  • accostare a destra o in uno degli spazi riservati alla sosta;
  • indossare il giubbotto catarifrangente;
  • scendere dall’auto in condizioni di sicurezza;
  • posizionare il triangolo ad almeno 100 metri dalla propria auto;
  • recarsi in una colonnina di emergenza per chiamare il centro di controllo;
  • attendere indicazioni e seguire le istruzioni.

Se nella galleria in cui accade il guasto non ci sono delle colonnine con il telefono di emergenza o queste sono fuori uso, è possibile:

  • chiamare le forze dell’ordine per avere delle indicazioni su come comportarsi;
  • chiamare il numero di assistenza stradale fornito dalla propria compagnia di assicurazioni se in possesso di polizza che copre questo rischio;
  • chiamare il numero di assistenza stradale dell’Aci (803.116), a pagamento.

Emergenza in galleria: cosa fare in caso di incidente?

L’incidente stradale rappresenta la più comune situazione di emergenza in galleria, come altrove. E non bisogna sottovalutarla perché a volte, da un banale tamponamento in cui non si è fatto male nessuno, può derivare un sinistro più grave se conducenti e curiosi scendono dall’auto nella concitazione, senza guardare se arrivano altre macchine.

In questi casi, ammesso che non si sia rimasti seriamente feriti o incastrati tra le lamiere, occorre accendere le quattro frecce (se funzionano), indossare il giubbotto catarifrangente, scendere dall’auto in sicurezza e chiamare i soccorsi. Se i conducenti coinvolti nel sinistro sono impossibilitati a farlo, gli altri automobilisti (meno sono e meglio è per non creare confusione o situazioni ad alto rischio in mezzo alla strada, dovranno prestare un primo soccorso e chiamare l’ambulanza e le forze dell’ordine. Se i feriti non riescono a muoversi all’interno dell’abitacolo non vanno mai toccati, per evitare con una manovra sbagliata di compromettere ancora di più il loro stato di salute, a meno che nei paraggi ci sia un medico o una persona abilitata a farlo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube