Diritto e Fisco | Articoli

Acquisti di Natale: come tutelarsi

17 Dicembre 2021
Acquisti di Natale: come tutelarsi

Diritti di cambio merce, garanzia e sostituzione dei prodotti durante i saldi: quali sono i diritti dell’acquirente?

Hai ricevuto a Natale un regalo che non ti piace e vuoi cambiare? Ti hanno lasciato lo scontrino cortesia e non sai fin dove si spingano i tuoi diritti a ottenere la sostituzione del prodotto con un altro? Hai scoperto solo dopo qualche giorno che la merce ricevuta sotto l’albero di Natale era guasta? Ecco come tutelarsi con gli acquisti di Natale. 

Questa scheda ti spiegherà quali sono i tuoi diritti in termini di sostituzione del prodotto, di reso e di garanzia. Ma procediamo con ordine. 

Cambio merce: è sempre un diritto?

Se ti è stato fatto un regalo che non gradisci o un capo di abbigliamento troppo grande, troppo stretto o troppo appariscente per i tuoi gusti non hai diritto a cambiarlo, a meno che il negoziante non abbia promesso diversamente all’acquirente, magari dandogli il cosiddetto “scontrino cortesia” (v. dopo). 

Il cambio merce è un diritto dell’acquirente solo per gli acquisti fatti su Internet o comunque fuori dai locali commerciali (v. dopo).

Se invece il regalo è stato fatto in un negozio fisico, hai diritto al cambio solo se si dovesse trattare di un prodotto difettoso. In tal caso, ti spetta la garanzia per due anni (v. dopo). 

Scontrino cortesia 

Il negoziante potrebbe, per questioni di marketing, acconsentire ugualmente alla sostituzione del prodotto, dichiarandolo al momento dell’acquisto. In tal caso, è tuo diritto chiedere la sostituzione del prodotto con un altro ma non la restituzione dei soldi spesi.  

Il negoziante può subordinare il cambio a determinati limiti di tempo e/o alla presentazione dello “scontrino cortesia”. In tal caso, hai diritto a cambiare il regalo rispettando le condizioni concordate tra venditore e acquirente. È quest’ultimo però a doverti avvisare di eventuali scadenze entro cui chiedere il cambio. Se non le rispetterai (non importa se sei in viaggio e non puoi recarti al negozio) perdi il tuo diritto di cambio.

Cambio merce non rispettato

Se il venditore ha riconosciuto all’acquirente il diritto ad un eventuale cambio merce, non può poi ostacolare la sostituzione del prodotto subordinandola ad altre condizioni non dichiarate all’atto dell’acquisto (ad esempio, obbligare il cliente a recarsi presso il punto vendita solo in determinate giornate, magari lavorative). 

Cambio merce con saldi

Se decidi di cambiare l’oggetto quando ormai il negozio ha aperto la stagione dei saldi, hai il diritto ad ottenere un buono spesa dello stesso valore del prezzo pagato da chi ti ha fatto il regalo di Natale. Per cui avrai eventualmente diritto a chiedere un oggetto che, all’epoca in cui fu fatto l’originario acquisto, era venduto a un prezzo superiore ma che, coi saldi, ha invece lo stesso valore del buono spesa.

Garanzia

Se il prodotto invece dovesse essere difettoso è diritto dell’acquirente chiederne sempre la sostituzione o la riparazione entro 2 anni dall’acquisto. Questo diritto spetta in automatico per via della legge e non dipende da un riconoscimento fatto dal venditore.

Se il venditore dovesse rifiutare la sostituzione o la riparazione sostenendo che il guasto dipende da un uso non conforme fatto dal cliente, dovrebbe dimostrarlo. Ciò però vale solo nel primo anno dall’acquisto. Dopo il primo anno, invece, spetta all’acquirente dimostrare che il difetto non è dipeso da lui.

Come restituire i regali di Natale fatti online

Il regalo che hai acquistato online non è piaciuto? È un doppione? Niente paura: hai 14 giorni di tempo per restituirlo (Amazon concede un termine più ampio pari a 30 giorni). I 14 giorni decorrono dalla consegna del prodotto all’acquirente. Per cui, se questi ha anticipato gli acquisti di Natale a prima di 14 giorni da quando ti ha consegnato il regalo, hai perso il diritto di recesso. Difatti, conta la data in cui il corriere ha consegnato il pacco all’acquirente e non quella in cui hai ricevuto il regalo.

Se invece i 14 giorni non sono scaduti, il prodotto deve essere restituito al venditore entro 14 giorni dalla comunicazione di recesso a cura di chi te lo ha regalato (è lui infatti che ha stipulato il contratto), salvo diversa previsione sul sito. Il venditore deve restituire il prezzo all’acquirente o potrà concordare con lui un altro regalo da spedirti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube