Diritto e Fisco | Articoli

Separazione: se la madre non concorda le visite ai figli commette reato

17 Luglio 2014
Separazione: se la madre non concorda le visite ai figli commette reato

Anche se il bambino non vuol più vedere l’altro genitore, la madre deve sempre fare in modo che l’ex coniuge possa esercitare il proprio diritto di visita.

La madre deve sempre agevolare gli incontri tra l’ex coniuge e il figlio, anche se quest’ultimo non vuole più incontrare l’altro genitore. Questo dovere di collaborazione è talmente importante da comportare, in caso di mancato ottemperamento, un reato [1].

Lo ha messo nero su bianco la Cassazione, con una sentenza di poche ore fa [2].

Ad ogni genitore spetta il sacrosanto diritto di visita nei confronti dei propri figli e l’altro genitore non solo non può opporvisi, ma deve anche fare di tutto per cooperare e garantirne l’esercizio.

In pratica, la parte più interessante della sentenza è quella in cui equipara le “omissioni” del genitore alle condotte impeditive: che, in buona sostanza, significa punire nello stesso modo il papà o la mamma che vieti al figlio di vedere l’ex coniuge e quello che, invece, in modo inerte, non fa nulla perché tale visita si realizzi concretamente. Ciò perché la semplice noncuranza, a volte, è pari all’ostruzionismo. Si tratta, cioè, di un’elusione del provvedimento del giudice relativo agli obblighi di visita che, in questo modo, viene letteralmente calpestato.

Bastano anche le mancate risposte della madre alle richieste di incontro del padre a giustificare, infatti, una condanna penale.


note

[1] Art. 388 cod. pen.: mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice.

[2] Cass. sent. n. 31712 del 17.07.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Io sono quasi due anni che mia figlia adesso sedicenne rifiuta di mangiare anche una pizza

  2. Vorrei sapere se questa legge vale per il passato oppure e valida solo per il presente?visto che i figli non sono ne pessato ne presente…..dovrebbero esserre il futuro di tutti igenitori.pper alcune mamme sono solo un assegno al mese…..che tristezza?

  3. Non trovo giusto obbligare i figli a vedere il genitore, loro hanno gli stessi diritti a esprimere il loro disaccordo senza imosizioni giuridici. i giudici non dovrebbero tutelare la legge ma in una separazione dovrebbero tenere molto più conto delle motivazioni dei figli ancor prima delle ripicche degli adulti. La mediazione aiuta a trovare il giusto equilibrio e tutela i diritti dei minori.

  4. Un figlio può avere sacrosanti buoni motivi per non ver frequentare un genitore sopratutto se questi lo ha ignorato, trascurato o maltrattato. Prima del diritto degli adulti dovrebbe considerarsi il diritto dei minori a crescere in un clima sereno e tutelante. Ai genitori (entrambi!) il dovere di garantire le condizioni fuori da una logica rivendicativa.

  5. Le donne usano i figli per loro vendetta e per l’assegno mensile! Patti prematrimoniali e se son fiori fioriranno!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube