Diritto e Fisco | Articoli

Chi è responsabile se la neve cade dal tetto e colpisce un passante?

1 Gennaio 2022
Chi è responsabile se la neve cade dal tetto e colpisce un passante?

In un condominio sono il solo obbligato alla manutenzione del tetto. Se la neve presente sul tetto scivola e si accumula sulla grondaia e, poi, di lì precipita e colpisce un passante, chi ne risponde?

Se lei si è assunto (nell’atto di acquisto della sua unità immobiliare) l’obbligo della manutenzione del tetto, è chiaro che spettano a lei tutte quelle attività ordinarie e straordinarie (anche di pulizia) che riguardano la manutenzione di questa parte dell’edificio. Ed è altrettanto chiaro che toccherebbe a lei risarcire chi dovesse subire un danno a causa dell’omessa manutenzione del tetto (ad esempio, toccherebbe sicuramente a lei risarcire chi subisse un danno a causa della neve e/o del ghiaccio che si staccasse dal tetto e precipitasse al suolo a causa di una omessa tempestiva pulizia del tetto stesso).

Detto questo, occorre aggiungere però che la grondaia, dal punto di vista giuridico (si veda al riguardo la sentenza della Corte di Cassazione n. 27.154 del 22 dicembre 2014), è un bene autonomo e distinto rispetto al tetto. Da questo deriva che il suo obbligo di provvedere alla manutenzione del tetto non si può estendere anche alla grondaia (a meno che non sia espressamente indicato che tocca solo a lei anche la manutenzione della grondaia oltre che quella del tetto). E siccome la grondaia è un bene di proprietà condominiale (in base a quanto stabilisce l’articolo 1117 del Codice civile ed a meno che non risulti diversamente dagli atti d’acquisto o dal regolamento condominiale), la sua manutenzione spetta al condominio.

Quindi, se una falda di neve o lastroni di ghiaccio si poggiano sulla grondaia, è evidente che tocchi al condominio provvedere alla relativa rimozione in quanto proprietario di essa (ripetiamo: a meno che gli atti di acquisto non attribuiscano ad altri la proprietà della grondaia e/o a determinati soggetti la relativa manutenzione).

In conclusione, nel suo caso specifico:

  • se un passante dovesse subire dei danni da neve e/o ghiaccio che precipitano dopo essersi posati sulla grondaia, sarebbe il condominio a rispondere dei danni (a condizione che la grondaia, negli atti di acquisto e/o nel regolamento condominiale, non risulti essere di proprietà di un condomino o di un terzo in particolare e a condizione che nessuno si sia obbligato in esclusiva alla sua manutenzione);
  • ammesso che la grondaia sia proprietà condominiale e che tocchi quindi al condominio la relativa manutenzione, è possibile che in un’eventuale causa per il risarcimento dei danni (iniziata dal passante danneggiato contro il condominio), il condominio chiami in causa lei sostenendo che il motivo della caduta del ghiaccio e/o della neve non è l’omessa manutenzione della grondaia, ma l’omessa manutenzione del tetto (che spetta solo a lei): se accadesse questo, il giudice sarebbe chiamato a valutare (nominando un perito), se ed in quale misura la caduta della neve e/o del ghiaccio al suolo sia stata causata dall’omessa manutenzione del tetto e/o dall’omessa manutenzione della grondaia. Ed il perito, sulla base dei suoi rilievi tecnici, potrà addebitare la responsabilità tutta al condominio (per l’omessa manutenzione e pulizia della grondaia), oppure tutta a lei (per l’omessa manutenzione e pulizia del tetto), oppure addebitare il fatto in parte al condominio ed in parte a lei (con una ripartizione di percentuali anche nell’importo da risarcire al danneggiato).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube