Arriva la “Revoca a vita della patente”: la nuova pena in caso di incidente

20 Luglio 2014
Arriva la “Revoca a vita della patente”: la nuova pena in caso di incidente

Violazione del codice della strada: scatterà la sospensione definitiva della licenzia di guida per chi provocherà un incidente mortale.

Per l’automobilista negligente, che provocherà colposamente la morte di una persona, scatterà la nuova sanzione dell’ “ergastolo della patente”: si tratta della revoca dell’abilitazione e contestuale inibizione alla guida, sul territorio, a tempo indeterminato. In sintesi, non si potrà più guidare, almeno in Italia.

A prevederlo è un emendamento approvato giovedì dalla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati durante l’esame unificato del disegno di legge delega per la riforma del Codice della Strada: un coacervo di norme che era già stato approvato dal Consiglio dei Ministri più di un anno fa (la seduta era quella del 26 luglio 2013).

Tra le modifiche più interessanti che potrebbero andare a impattare sul nostro attuale codice della strada vi è quella che impedirà l’accesso alle autostrade e superstrade ai motocicli di cilindrata inferiore a 120 cc e guidati da minorenni. Sarà inoltre prevista una segnaletica dedicata all’utenza più debole (bambini, disabili, anziani, pedoni, ciclisti, utenti di ciclomotore e motociclo).

Nella seduta di giovedì scorso, inoltre, la commissione ha approvato l’emendamento di portata più dirompente che prevede l’ergastolo della patente di guida. Nei casi in cui il conducente di un veicolo provochi la morte di una persona, violando le norme stradali, verranno valutate le condizioni del guidatore o il tipo di violazione in presenza delle quali scatteranno le sanzioni amministrative accessorie della revoca della patente e dell’inibizione alla guida sul territorio nazionale: il tutto, però, a tempo indeterminato.

La novità dovrà poi essere coordinata con la modifica al codice penale, in corso di discussione, che prevede il reato di omicidio stradale.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube