Diritto e Fisco | Articoli

Previdenza forense: il nuovo rapporto Adepp

23 Dicembre 2021 | Autore:
Previdenza forense: il nuovo rapporto Adepp

L’analisi del rapporto sulla previdenza privata dell’Associazione degli enti di previdenza privati.

Il 21 dicembre 2021 l’Adepp (Associazione degli enti di previdenza privati) ha pubblicato l’XI Rapporto sulla previdenza privata che, com’è noto, è pubblica mentre privata è solo la gestione.

Il X Rapporto, pubblicato l’anno scorso, era di 239 pagine mentre quello di oggi, pubblicato due volte, è di 137 pagine.

Io invito tutti i professionisti a leggerlo per ricercare la risposta a queste domande che pongo:

  • a quanto ammonta il debito previdenziale latente delle Casse?
  • a quanto ammonta il funding ratio per ogni singola Cassa?
  • a quanto ammontano i tassi di sostituzione?

Mi limito a riproporre 6 delle slide pubblicate.

Nel Report vi è un dato interessante, riportato nella figura 5.2 Asset allocation degli enti previdenziali privati fine 2020 di pag. 95, dove si evidenzia che nella voce “altre attività” sono ricompresi i crediti di natura previdenziale che cubano l’8,7% del totale il che significa su 100 miliardi di patrimonio, 8,7 miliardi di crediti verso gli iscritti dei quali non è dato conoscere l’esigibilità il che, nella lettura dei bilanci, non è certo un dato confortante.

Dal capitolo indicatori previdenziali sintetici emergono questi dati:

  • il tasso di crescita degli iscritti è inferiore al tasso di crescita delle prestazioni con un decremento dell’indice pari a – 2,73%;
  • gli enti del 509 hanno un tasso di incremento del numero delle prestazioni più alto rispetto al tasso di crescita degli iscritti;
  • il rapporto fra contributi e prestazioni presenta una variazione negativa per il periodo 2005 – 2020 del – 1,03%.

Poi, ogni professionista faccia le sue valutazioni. Io sono contrario al mainstream del pensiero unico per approdare al pensiero complesso.

Fonte: Diritto e Giustizia



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube