Diritto e Fisco | Articoli

Come segnalare un sito dai contenuti illegali?

18 Aprile 2022 | Autore:
Come segnalare un sito dai contenuti illegali?

Quali sono i siti internet contrari alla legge? Come fare una segnalazione alla polizia postale? Quando sporgere denuncia?

Internet può essere un luogo meraviglioso se si è alla ricerca di informazioni, notizie ed esperienze da condividere con persone amiche e non; allo stesso tempo, però, può essere un posto davvero spiacevole, pieno di trappole e di siti discutibili, se non illeciti. Con questo articolo vedremo come segnalare un sito dai contenuti illegali.

Pensiamo, ad esempio, al sito internet che solo apparentemente vende prodotti di abbigliamento ma che in realtà, una volta effettuato l’ordine, non spedisce la merce né rimborsa il pagamento già effettuato. Per non parlare, poi, dei siti che ospitano contenuti pedopornografici, oppure ancora di quelli che istigano alla violenza e all’odio razziale. Come comportarsi in questi casi? Cosa fare se ci si imbatte in una pagina internet molto sospetta? Come segnalare un sito dai contenuti illegali? Prosegui nella lettura se cerchi risposte a queste domande.

Siti illegali: quali sono?

Come anticipato in apertura, gran parte dei siti sono illegali quando hanno come scopo quello di truffare gli utenti. È il caso dello store online che riceve il pagamento e non invia la merce, non rispondendo poi ai solleciti del cliente. Ma non solo.

Classico sito truffa è anche quello che mette in vendita prodotti falsi e merce contraffatta, oppure che spedisce beni diversi da quelli ordinati.

Siti illegali sono quelli che offrono contenuti pedopornografici. La pornografia minorile è un grave reato e ne risponde sia chi offre il materiale che chi lo detiene.

Siti illegali sono anche quelli che fanno scaricare agli utenti file contenenti virus, cioè software malevoli per il proprio dispositivo.

Sito illegale: come fare segnalazione?

Un sito illegale può essere segnalato alla polizia postale, la quale si occupa di tutti i reati commessi tramite i mezzi di comunicazione, compreso internet.

La segnalazione può essere fatta anche se si ha solo il sospetto che il sito sia illegale ma non se ne ha certezza. Ad esempio, se un sito presenta delle anomalie, ad esempio perché non consente di ottenere il rimborso oppure chiede dati personali in genere non necessari (si pensi al codice segreto per l’accesso al conto corrente), è opportuno fare segnalazione alla polizia postale perché faccia i necessari accertamenti.

La segnalazione alla polizia postale, infatti, non equivale a una denuncia, bensì a un semplice esposto con cui si pone all’attenzione delle autorità comportamenti ed eventi di natura presumibilmente illecita, al fine di consentire l’accertamento degli stessi.

Per effettuare una semplice segnalazione è possibile visitare la pagina del sito della polizia e riempire il form (cioè, il modulo) messo a disposizione dell’utente. Nello specifico, occorrerà indicare:

  • la propria email;
  • il telefono, il Comune e la provincia (questi dati sono facoltativi);
  • l’argomento (truffa, pedofilia, ecc.);
  • l’indirizzo (url) del sito segnalato.

È altresì possibile lasciare un commento, magari descrivendo in cosa consiste la presunta illegalità. Dopodiché, è possibile cliccare sul bottone in fondo a destra e inoltrare così la segnalazione.

Se, invece, non si hanno dubbi circa l’illegalità del sito internet, ad esempio perché contiene immagini pedopornografiche oppure perché si è stati vittima della truffa, allora è opportuno seguire le indicazioni che verranno fornite nel prossimo paragrafo.

Sito illegale: come denunciare?

La denuncia di un sito illegale deve essere fatta personalmente, recandosi presso la polizia postale o altre forze dell’ordine. In questi casi, è consentito anticipare il contenuto della denuncia collegandosi al sito della polizia di Stato.

Per presentare una denuncia via web occorre fornire le proprie generalità (in modo simile a quanto viene richiesto dall’ufficiale di polizia quando ci si presenta presso uno degli uffici fisici): nome, cognome, codice fiscale, luogo e data di nascita, residenza e domicilio, numero telefonico, email e gli estremi di un documento d’identità.

Al termine dell’operazione, il sistema rilascia una ricevuta elettronica e un numero di protocollo con il quale sarà possibile recuperare la pratica presso l’ufficio di Polizia di Stato prescelto.

La procedura appena illustrata, infatti, non sostituisce la denuncia vera e propria, cioè quella fatta di persona, ma rappresenta soltanto il primo passo della procedura di presentazione della denuncia per reati telematici.

In pratica, l’atto inserito in internet è solo lo schema sul quale sarà poi possibile effettuare, nell’ufficio di polizia prescelto, eventuali integrazioni, ed assumerà valore legale di denuncia solo con la sottoscrizione davanti all’ufficiale di polizia giudiziaria.

In buona sostanza, la denuncia online consente soltanto di effettuare una segnalazione, ragionata e preparata con attenzione, che assumerà i connotati della vera denuncia/querela soltanto con la sottoscrizione reale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube