Stalking: il molestatore resta in carcere se…

20 Luglio 2014 | Autore:
Stalking: il molestatore resta in carcere se…

Custodia in carcere anche in caso di pene inferiori a tre anni se lo stalking è grave o se il reo non ha un domicilio: modificate le norme del decreto svuota carceri.

 

Forse un sospiro di sollievo per le vittime di violenza e stalking: la Commissione Giustizia della Camera ha apportato rilevanti modifiche al decreto svuota carceri entrato in vigore lo scorso 28 giugno [1].

L’intervento è servito a correggere le norme che, come da noi denunciato nell’articolo “Stalker a piede libero” di fatto negavano tutela alle vittime di stalking e violenza domestica.

Il decreto prevedeva, infatti, l’automatica esclusione della custodia cautelare in carcere nelle ipotesi in cui la condanna inflitta al reo fosse inferiore a tre anni; ciò senza lasciare margini di decisone al giudice in ordine alla pericolosità sociale del condannato. Da qui tutte le immaginabili conseguenze per le vittime di soggetti violenti rimasti a piede libero.

La commissione Giustizia ha eliminato il limite rigido della pena stabilendo che, anche se la pena prevista è inferiore a tre anni, il giudice può comunque disporre la custodia cautelare in carcere quando:

 

1. il reato commesso è particolarmente grave: stalking aggravato, maltrattamenti in famiglia, furto in abitazione ecc.;

2. l’imputato/indagato non ha una dimora nella quale è possibile disporre gli arresti domiciliari.

Un’altra importante novità riguarda l’aumento dell’età dell’imputato da 21 a 25 anni ai fini della detenzione negli Istituti penali per i Minorenni.

Ciò comporta che sia il magistrato di sorveglianza a decidere, in base alle esigenze di sicurezza e rieducazione del reo, se l’imputato di età tra i 21 e i 25 debba essere detenuto presso un carcere o presso l’istituto penale per minori.

Si attende comunque la conferma delle citate modifiche per conoscerne il testo integrale.


note

[1] D.l. n. 92 del 26.06.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube