Le nuove misure anti Covid

24 Dicembre 2021 | Autore:
Le nuove misure anti Covid

Le regole varate dal Governo per frenare i contagi nelle festività natalizie: mascherine, Green pass rafforzato, tamponi, restrizioni per l’accesso nei locali.

Arrivano le nuove misure per contenere la diffusione del Covid durante le feste natalizie: il Governo nel consiglio dei ministri di oggi, ha varato il nuovo decreto legge, che non a caso è stato subito battezzato «Decreto festività». Preoccupa la variante Omicron che, stando agli ultimi dati emersi, è responsabile del 28,2% dei contagi: più di uno su quattro, anche se la diffusione non è uniforme in tutte le Regioni. Per questo si è deciso di adottare una stretta urgente.

Le novità sono numerose e riguardano tutti gli aspetti della vita quotidiana. Ora te le esponiamo una per una, ma prima sgombriamo il campo da un dubbio: a differenza dello scorso anno, stavolta, non c’è alcuna limitazione sul numero di invitati che è possibile ricevere a Natale o a Capodanno e nei giorni intercorrenti tra le festività. Quindi, via libera alle tavolate, ma solo in casa, perché le feste all’aperto sono state abolite fino al 31 gennaio prossimo. E per entrare in locali e ristoranti servirà il Green pass rafforzato fino alla cessazione dello stato di emergenza, che è stata fissata al 31 marzo 2022.

Mascherine

Torna l’obbligo delle mascherine all’aperto in tutta Italia, anche in zona bianca, e viene introdotto l’obbligo di indossare le mascherine di tipo Ffp2 sui mezzi pubblici di trasporto (compresi quelli locali), negli stadi e agli altri eventi sportivi, nei cinema, teatri e musei.

Vaccino

Il tempo minimo di somministrazione della terza dose scende da 5 a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. Per la conferma di questo provvedimento, però, serve il parere tecnico dell’Aifa e un’ordinanza del ministero della Salute.

Green pass

La durata di validità del Green pass sarà ridotta a 6 mesi a partire dal 1° febbraio 2022; fino a quella data è confermata l’attuale validità di 9 mesi.

Inoltre. dal 30 dicembre 2021 e fino al 31 marzo 2022, servirà il Green pass rafforzato (quello dei vaccinati e dei guariti, non dei tamponati) per entrare nei bar, nei ristoranti e negli altri locali chiusi, comprese le palestre e le piscine. Il «super Green pass» diventa necessario anche per consumare al banco e non solo per chi si siede ai tavoli.  Nello stesso periodo, sarà vietato il consumo di cibi e bevande in cinema, teatri e per eventi sportivi al chiuso.

Locali, feste ed eventi

Fino al 31 gennaio 2022 saranno vietate le feste all’aperto; saltano, quindi, tutte le feste di piazza a Capodanno (che molti sindaci e governatori avevano già proibito con le ordinanze valevoli nei propri territori).

Per entrare nelle discoteche e nelle Rsa (residenze sanitarie assistenziali) servirà la terza dose di vaccino; chi ha fatto solo due dosi dovrà munirsi di un tampone con esito negativo. Ma il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha precisato che fino al 31 gennaio discoteche, sale da ballo e attività similari resteranno chiuse.

Cibo al chiuso

Nei bar e nei ristoranti, nei pub, nei locali, occorrerà esibire il Super green pass anche per consumare al banco, se questo è al chiuso.

Pertanto, fino alla cessazione dello stato d’emergenza, potranno consumare cibi e bevande al banco al chiuso soltanto:

  • i titolari di super green pass (vaccinati o guariti);
  • i minori di 12 anni;
  • i soggetti esenti dalla vaccinazione.

Vietato il consumo di cibi e bevande al chiuso: nei teatri, al cinema, nelle sale da concerto, durante gli eventi sportivi al chiuso o all’aperto, nei locali di intrattenimento e musica dal vivo.

Controlli sugli ingressi dall’estero

Per contenere la diffusione del virus nel nostro Paese il Governo ha puntato su una nuova mossa: controlli a campione (con tamponi molecolari o antigenici) presso porti e aeroporti a chi entra sul territorio nazionale per turismo, lavoro o altre ragioni. In caso di positività al Covid-19, è prevista la misura dell’isolamento fiduciario per 10 giorni presso un Covid hotel, in assenza di altre soluzioni.

Nuove regole per prevenire i contagi a scuola

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha precisato che: «Sulle scuole la posizione del governo è molto chiara: crediamo che vadano tutelate come presidio fondamentale del nostro Paese e un rafforzamento dello screening nella fase di rientro post festività sarà indispensabile per creare condizioni di maggiore sicurezza».

Per aiutare le regioni nei test anti Covid, volti ad intercettare i contagi nelle scuole, il decreto prevede il supporto del ministero della Difesa. Saranno dislocati sul territorio nazionale alcuni laboratori militari della rete di diagnostica molecolare per l’attività di tracciamento e sequenziamento dei nuovi casi di Covid tra gli studenti.

Corsi di formazione privati

Il Decreto festività estende l’obbligo del Green pass (rilasciato a vaccinati, guariti e tamponati) per partecipare a corsi di formazione privati.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube