Diritto e Fisco | Articoli

Area condominiale auto senza assicurazione

26 Dicembre 2021
Area condominiale auto senza assicurazione

Macchina non assicurata nel cortile del condominio: chi chiamare per farla rimuovere?

Se si scopre un’auto senza assicurazione in un’area condominiale è bene sapere se questa può rimanervi parcheggiata o, in caso negativo, a chi bisogna segnalare l’episodio per farla rimuovere. Ad attivarsi deve essere l’amministratore di condominio, i singoli condomini o la polizia municipale? Cerchiamo di fare chiarezza sull’argomento e di fornire alcuni consigli pratici. 

La materia è stata oggetto di un recente chiarimento da parte delle Sezioni Unite della Cassazione [1]. Secondo la Corte – che ha, a sua volta, recepito un orientamento della Corte di Giustizia Europea, ora trasfuso in una apposita direttiva – un’auto deve essere assicurata anche quando è ferma in un cortile condominiale o comunque all’interno di un’area di proprietà privata. 

Peraltro, sul punto, era in precedenza intervenuto un decreto ministeriale (il numero 54/2020) che aveva stabilito la necessità che le polizze obbligatorie Rc auto prevedessero la copertura anche quando gli autoveicoli fossero in sosta in qualsiasi area privata, quand’anche non funzionanti: ciò a garanzia dei terzi eventualmente danneggiati.

Secondo la giurisprudenza nazionale e comunitaria, l’auto deve essere sempre assicurata, indipendentemente dal luogo in cui si trova. Non rileva quindi che il veicolo sia parcheggiato in un’area pubblica, privata aperta al pubblico o privata ma recintata e non accessibile a terzi estranei (si pensi al cortile condominiale con la sbarra elettrica o con il cancello attraverso cui possono accedere solo i proprietari degli appartamenti). 

Sembrerebbe però di intravedere un’apertura nella possibilità di lasciare l’auto in un box auto al chiuso: non il garage comune condominiale ma quello individuale. Il che peraltro consentirebbe di sospendere l’assicurazione in determinati periodi dell’anno quando il veicolo non viene usato e resta fermo.

Lo scopo di tale severo orientamento è evitare che eventuali incidenti derivanti dal normale utilizzo dell’auto possano restare privi di copertura assicurativa escludendo il diritto della vittima ad ottenere il risarcimento (si pensi all’episodio, purtroppo tutt’altro che infrequente, di un automobilista che, nel fare manovra in retromarcia, investa un bambino mentre gioca). 

Essendo il cortile un’area comune condominiale, la relativa tutela è di competenza concorrente sia dell’amministratore che dei singoli condomini: ciascuno di questi quindi può procedere a segnalare la presenza della vettura non assicurata alla polizia locale. Sarà poi quest’ultima ad assumere i provvedimenti amministrativi sanzionatori nei confronti del proprietario, esclusa la rimozione, salvo che emerga con evidenza la pericolosità del mezzo.

Leggi anche: Dove lasciare la macchina senza assicurazione

La presenza di un’auto senza assicurazione in un’area condominiale costituisce una violazione amministrativa. Le sanzioni, conseguenti alla violazione del Codice della strada, sono le seguenti:

  • una sanzione amministrativa con un importo che va da 849 euro a 3.396 euro;
  • la decurtazione di 5 punti sulla patente;
  • il sequestro del mezzo. Per la restituzione occorre pagare la sanzione, attivare una polizza assicurativa della durata di almeno 6 mesi e accollarsi le spese di trasporto e deposito. Anche dopo il pagamento, comunque, il veicolo viene sottoposto a fermo amministrativo per 45 giorni.

note

[1] Cass. S.U. sent. n.  21983/21.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube