Diritto e Fisco | Articoli

Infiltrazioni da tubo condominiale: chi deve inviare la diffida

15 Gennaio 2022
Infiltrazioni da tubo condominiale: chi deve inviare la diffida

A seguito di perizia su un tubo condominiale è risultato che un condomino ha collegato di propria iniziativa una calderina a gas per la produzione di acqua calda. La condensa che si viene a produrre con i fumi di scarico, in particolar modo con le temperature esterne rigide, provoca l’infiltrazione di umidità nel mio appartamento. È onere del condominio effettuare la dovuta messa in mora o devo essere io a promuovere un’azione nei confronti del condomino che ha causato il danno?

Nel caso descritto dal lettore, emerge che il tubo interno in corrispondenza delle infiltrazioni è di proprietà condominiale e che il danno potrebbe essere stato causato dalla condotta di un singolo condomino (collegamento non autorizzato al tubo condominiale).

Ne consegue che, oltre alla responsabilità del singolo condomino, potrebbe configurarsi una responsabilità oggettiva del condominio come previsto dall’art. 2051 c.c., posto che il tubo è parte comune dell’edificio e che il condominio ha l’obbligo di custodire il bene, verificarne il corretto funzionamento, attuare le opere di manutenzione ordinaria utili per la conservazione del bene. La responsabilità da cose in custodia è di tipo oggettivo, nel senso che, ai fini della sua sussistenza, è sufficiente l’esistenza del nesso di causalità tra il bene oggetto di custodia (in tal caso il tubo condominiale) e il danno causato al soggetto leso (in tal caso, infiltrazioni). Spetta al condominio dimostrare l’esistenza di un fattore esterno, idoneo ad escludere il nesso causale tra bene condominiale e il danno da esso provocato.

Nel caso di specie, il fattore esterno potrebbe essere, appunto, la condotta del condomino che, senza autorizzazione assembleare, abbia effettuato opere di collegamento al tubo condominiale per trarne beneficio a danno di altri.

Alla luce di quanto precede, vista la necessità di accertare, eventualmente all’esito di apposita perizia e di un’eventuale causa, se vi è responsabilità esclusiva di una delle due parti o se, tanto il condominio quanto il singolo condomino, debbano rispondere in solido del danno causato, si consiglia di inviare, in qualità di soggetto leso, la diffida ad entrambi.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Maria Monteleone



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube