Diritto e Fisco | Articoli

Se ti fotografano di nascosto mentre sei a casa tua

23 Luglio 2014
Se ti fotografano di nascosto mentre sei a casa tua

Scatti rubati: sì al risarcimento per le foto lesive della privacy, ma entro determinati limiti.

Chi scatta foto all’interno di luoghi di privata dimora altrui, con mezzi tecnici invasivi (come, per esempio, un teleobiettivo oppure arrampicandosi su un albero, una scala, ecc.), tali dunque da superare gli ostacoli alla visibilità, commette un illecito ed è tenuto a risarcire il danno non patrimoniale. Infatti, in base alla nostra costituzione [1], il domicilio è e resta sempre inviolabile, anche nel caso in cui i personaggi che lo abitino siano famosi. Lo ha messo, nero su bianco, una recente sentenza della Cassazione [2].

Nel caso, in cui le foto ritraggano un personaggio pubblico in momenti solo colloquiali e di svago la misura del risarcimento del danno va portata al minino se la sua immagine e reputazione non vengono alterati.

Un esempio

Mettiamo che un fotografo riesca a “pizzicare” un personaggio all’interno del giardino della propria villa. Lo fa non perché tale soggetto sia chiaramente visibile anche a chi passi per strada, ma grazie a qualche stratagemma (come il posizionarsi su un’altura antistante detto cortile). In tali casi, l’autore dello scatto compie ben due illeciti:

1. il reato di interferenza illecita nella vita privata [3];

 

2. la violazione della privacy del soggetto fotografato.

Al contrario, se le tecniche fotografiche non implicano il superamento di barriere fisiche evidenti (una staccionata, un muretto di cinta, ecc.), non vi è alcun illecito.

Il danno conseguente alla interferenza nell’altrui vita priva comporta l’obbligo del risarcimento. L’importo, però, di tale risarcimento va valutato in base alla natura delle foto: va da sé, infatti, che se gli scatti pubblicati ritraggono solo momenti colloquiali e di svago degli interessati, senza dunque alcun pregiudizio per l’immagine, è difficile poter pretendere indennizzi particolarmente salati.


note

[1] Art. 14 Cost.

[2] Cass. sent. n. 16647/14 del 22.07.2014.

[3] Art. 615-bis cod. pen.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube