Covid: le nuove regole per la quarantena

29 Dicembre 2021 | Autore:
Covid: le nuove regole per la quarantena

Contatti con un positivo: niente più quarantena per i vaccinati con tre dosi o con due dosi da meno di quattro mesi; nessuno sconto per i non vaccinati.

L’Italia rischia di bloccarsi a causa dell’aumento dei contagi e il Governo interviene d’urgenza: questo è il motivo della riunione del Consiglio dei ministri che ha varato le nuove misure straordinarie anti Covid. La variante Omicron corre: i contagiati sono tanti e, soprattutto, sono troppe le persone entrate in contatto con un positivo. Bisogna correre ai ripari per evitare la paralisi delle attività produttive. Così si è deciso di tagliare drasticamente la quarantena per i vaccinati: il Comitato tecnico scientifico ha dato parere favorevole e la Cabina di regia, con i rappresentanti delle Regioni, ha premuto in questa direzione. Non sono, però, mancate le perplessità sanitarie, per il timore di un «liberi tutti» indiscriminato. La decisione finale è stata politica: stasera è arrivato il nuovo decreto legge.

Niente quarantena per i vaccinati con terza dose

Ecco le decisioni del Governo: in caso di contatti con un positivo al Covid, niente più quarantena per i vaccinati che hanno fatto la terza dose (booster) e neanche per i vaccinati con due dosi da meno di 4 mesi, se asintomatici. Per chi ha eseguito l’ultima vaccinazione del ciclo completo (cioè la seconda dose) da oltre 4 mesi, la quarantena resta, ma scende da 7 a 5 giorni, che terminano con un tampone dall’esito negativo, mentre per chi non è vaccinato la durata della quarantena rimane di 10 giorni, e sempre con tampone finale.

Così i vaccinati asintomatici possono saltare la quarantena, o interromperla, se già in atto, non appena le nuove misure entreranno in vigore: la data verrà stabilita dal Commissario per l’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, d’intesa con il Governo.

Quarantena ridotta o eliminata: i tre casi

Con il nuovo decreto legge la quarantena si scompone in tre categorie di diversa durata, fino all’azzeramento totale:

  • per i non vaccinati, la quarantena durerà 10 giorni al termine dei quali occorrerà un tampone negativo o 14 giorni senza eseguire il tampone (qui non c’è nessuna modifica rispetto al regime attuale);
  • per chi ha il Green pass rafforzato, ma «antico», perché rilasciato da oltre 120 giorni, la quarantena si ridurrà a 5 giorni, al termine dei quali servirà un tampone con esito negativo;
  • per chi ha fatto la dose «booster» o ha il Green pass rafforzato rilasciato da meno di 120 giorni, non ci sarà più l’obbligo di quarantena ma una forma di «autosorveglianza», cioè un periodo di auto-osservazione di 5 giorni per verificare l’assenza di sintomi (se ce ne sono, bisogna comunicarli al medico e mettersi in isolamento).

Il decreto prevede che la cessazione della quarantena, o dell’autosorveglianza, avviene con l’esito negativo del test antigenico rapido o molecolare, che si potrà effettuare anche presso centri privati. Ma nel frattempo, e fino a 10 giorni dopo il contatto stretto avuto con la persona positiva, il soggetto, anche se non è in quarantena, deve indossare la mascherina Ffp2.

Ricordiamo che per «contatto stretto» con una persona risultata positiva al Covid-19 si intende quello fisico diretto o avvenuto in ambiente chiuso, senza mascherina, per più di 15 minuti e a meno di due metri di distanza.

Finora, con le precedenti regole, chi aveva avuto un contatto stretto con una persona positiva al Covid-19 doveva, a prescindere dal tipo di vaccinazione fatta, dalla data della somministrazione e dal numero di dosi:

  • se vaccinato, rimanere in quarantena per 7 giorni e poi sottoporsi al tampone antigenico o molecolare, terminando l’isolamento se l’esito del test era negativo;
  • se non vaccinato, mettersi in quarantena per 10 giorni e uscire con un test antigenico o molecolare con risultato negativo.

Mascherine Ffp2 a prezzi calmierati

Il Consiglio dei ministri ha deciso di calmierare i prezzi delle mascherine Ffp2, quelle che garantiscono un livello di protezione più elevato, e che dalla scorsa settimana sono diventate obbligatorie sui mezzi pubblici di trasporto, anche locali. Sarà la struttura commissariale a stabilire, a breve, l’esatto importo del prezzo da praticare per la vendita al pubblico.

Green pass rafforzato: quando serve

Dal 10 gennaio 2022 e fino alla cessazione dello stato di emergenza ci sarà obbligo di Green pass rafforzato per entrare nei seguenti luoghi e attività:

  • mezzi di trasporto pubblico, compresi quelli locali o regionali;
  • alberghi e strutture ricettive;
  • ristoranti, anche all’aperto;
  • piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere, anche all’aperto;
  • feste conseguenti a cerimonie civili o religiose;
  • centri congressi, centri culturali e centri sociali e ricreativi per le attività all’aperto;
  • sagre e fiere;
  • impianti di risalita anche se ubicati in comprensori sciistici.

È saltata, invece, almeno per il momento, la proposta di rendere obbligatorio il Green pass rafforzato per tutti i lavoratori o almeno per alcuni settori e comparti, come la Pubblica Amministrazione e i trasporti. Troppe le perplessità espresse al riguardo dalle forze di maggioranza, dalla Lega al Movimento 5 Stelle; se ne parlerà – assicurano fonti di Governo – nelle prossime riunioni, ormai nel 2022.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube