La pillola anti-Covid dà diritto al Super green pass?

30 Dicembre 2021 | Autore:
La pillola anti-Covid dà diritto al Super green pass?

Si può prendere la compressa Merck o il remdesivir come alternativa al vaccino per avere la certificazione rafforzata? A chi è destinato il farmaco?

Chi continua a rifiutare il vaccino contro il coronavirus si è visto tarpare ulteriormente le ali con l’ultimo decreto del Governo che, dal 10 gennaio, confina i No vax in un lockdown di fatto, considerate le limitazioni per chi non ha il Super green pass. La soluzione del tampone rapido o molecolare sarà, ormai, pressoché inutile: per ora vale soprattutto per andare al lavoro ma è questione di giorni: lo stesso premier Mario Draghi ha fatto capire ai suoi ministri e alle forze politiche che lo sostengono che ai primi di gennaio si arriverà anche all’obbligo di certificazione verde rafforzata per poter andare in ufficio o in fabbrica.

Molti dei non vaccinati attendevano con ansia la notizia – confermata dall’Agenzia italiana per il farmaco – sull’arrivo, ormai imminente, della pillola anti-Covid: è ufficiale che questo farmaco verrà distribuito alle Regioni dal 4 gennaio 2022. E si chiedono: dà diritto al Super green pass? A quel Green pass rafforzato che viene consegnato a chi fa il vaccino o a chi guarisce dalla malattia?

Purtroppo, non sarà così. La pillola anti-Covid di Merck, molnupiravir, sarà somministrata «per il trattamento di pazienti non ospedalizzati per Covid – spiega l’Aifa – con malattia lieve-moderata di recente insorgenza e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino specifici fattori di rischio per lo sviluppo di una forma grave». In altre parole, il farmaco sarà utile a chi il Covid ce l’ha già, non a chi vuole evitarlo e vorrebbe assumerlo al posto del vaccino.

Considerando che il Super green pass viene rilasciato, oltre ai vaccinati, anche a chi guarisce dal coronavirus, appare evidente che chi prenderà la pillola Merck, essendo già malato, avrà il certificato verde alla guarigione.

In altre parole: non sarà possibile scegliere tra «vaccino o pillola» per avere il diritto alla certificazione. Il vaccino lo si fa normalmente da sani, la pillola la si prende da malati.

Lo stesso vale per l’altro farmaco appena approvato dall’Agenzia italiana del farmaco, cioè il remdesivir: anche in questo caso si tratta di una pillola che verrà somministrata a chi soffre già di Covid e non come alternativa al vaccino.

Il molnupiravir – ricorda ancora l’Aifa – è un antivirale orale, autorizzato per una distribuzione in condizioni di emergenza con decreto del ministero della Salute del 26 novembre scorso, il cui utilizzo è indicato entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi. La durata del trattamento, che consiste nell’assunzione di quattro compresse da 200 milligrammi 2 volte al giorno, è di 5 giorni. La determinazione Aifa relativa alle modalità di utilizzo è stata pubblicata il 29 dicembre sulla Gazzetta ufficiale ed è efficace dal 30 dicembre. Per la prescrizione del farmaco è previsto l’utilizzo di un Registro di monitoraggio che sarà presto accessibile online sul sito dell’Agenzia.

Quanto al remdesivir, è stata recentemente autorizzata dall’Agenzia europea del farmaco (Ema) un’estensione di indicazione relativa al trattamento dei soggetti non in ossigenoterapia ad alto rischio di Covid-19 grave e il farmaco può essere utilizzato fino a sette giorni dall’insorgenza dei sintomi. La durata del trattamento, che consiste in una somministrazione endovenosa, è di tre giorni. Anche per questa nuova indicazione è previsto l’utilizzo di un Registro di monitoraggio, già accessibile sul sito dell’Agenzia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube