Diritto e Fisco | Articoli

Pensioni: trattamento minimo 2022

2 Gennaio 2022 | Autore:
Pensioni: trattamento minimo 2022

Aumento delle pensioni più basse nel 2022: importo dell’integrazione, chi ne ha diritto, come funziona per chi percepisce altri redditi.

Chi percepisce una pensione d’importo basso può aver diritto all’aumento dell’assegno fino a un certo importo, ossia all’integrazione al trattamento minimo. In merito alle pensioni, il trattamento minimo 2022 come funziona?

Grazie all’integrazione al minimo, le pensioni meno elevate (ad esclusione di alcuni trattamenti non integrabili, come le pensioni calcolate col sistema interamente contributivo) sono aumentate al cosiddetto minimo vitale, che viene aggiornato annualmente.

Per il 2021, l’importo del trattamento minimo mensile era pari a 515,58 euro.

L’integrazione al trattamento minimo 2022, sulla base dei dati forniti dall’Istat,  come confermati da una nuova circolare Inps [1], è provvisoriamente pari a 523,83 euro mensili. L’adeguamento applicato dall’Inps risulta leggermente inferiore rispetto all’indice di rivalutazione presuntivo per i trattamenti in erogazione dal 2022, che è invece pari all’1,7%, come indicato dal decreto in materia [2]: l’istituto, che provvisoriamente ha applicato l’indice dell’1,6%, effettuerà comunque un conguaglio nei primi mesi del 2022.

Osserviamo dunque l’importo dell’integrazione al trattamento minimo 2022 ed i limiti di reddito per ottenere il beneficio, assieme alle nuove maggiorazioni ed alle relative soglie. L’integrazione al trattamento minimo non è, infatti, l’unico sostegno previsto per gli assegni Inps bassi: alcuni pensionati hanno diritto, ad esempio, alle maggiorazioni sociali, tra cui l’incremento al milione, che possono far arrivare la pensione a 660,27 euro mensili.

Ma procediamo con ordine e vediamo, nel dettaglio, come funziona e come si calcola il trattamento minimo, e chi può beneficiarne.

Cos’è l’integrazione al trattamento minimo?

L’integrazione al trattamento minimo è una prestazione economica che l’Inps riconosce a chi ha una pensione molto bassa, al di sotto del cosiddetto minimo vitale, pari, nel 2022, a 523,83 euro.

Dal 2022, in base al meccanismo della perequazione, con il quale l’importo delle pensioni viene adeguato periodicamente al costo della vita, avrebbe dovuto essere applicata una rivalutazione a tutti gli assegni previdenziali, nella misura del +1,7%. L’aliquota è stata però provvisoriamente adeguata all’1,6%, per cui il trattamento minimo è salito, come confermato dall’Inps, a 523,83 euro mensili, in attesa di un adeguamento che avverrà nei primi mesi del 2022.

Sono state, inoltre, adeguate di conseguenza tutte le soglie di reddito previste per la spettanza dell’integrazione.

Il trattamento minimo annuo, per il 2022, ammonterà a 6.809,79  (523,83 euro per 13 mensilità).

Come funziona l’integrazione al trattamento minimo?

In parole semplici, l’integrazione al minimo determina un innalzamento dell’importo della pensione, sino a un determinato valore, che cambia ogni anno in base alla rivalutazione delle pensioni.

Per il 2022, l’importo della pensione è elevato sino ad arrivare a 523,83 euro mensili, per 13 mensilità: che cosa vuol dire? In parole semplici, l’integrazione al minimo può risultare pari a 523,83 euro mensili soltanto se, per assurdo, la pensione risulta pari a zero. Negli altri casi, l’importo dell’integrazione al minimo è pari alla differenza tra la pensione e l’ammontare del trattamento minimo: ad esempio, se la pensione mensile 2022 risulta pari a 500 euro mensili, l’integrazione al minimo ammonta a 23,83 euro al mese, cioè alla cifra che serve per arrivare all’importo della pensione minima.

Non tutte le pensioni sotto la soglia minima possono, però, essere aumentate sino a 523,83 euro, perché per alcuni trattamenti l’integrazione al minimo è esclusa. Inoltre, per aver diritto all’incremento in misura piena è necessario rispettare precisi requisiti di reddito.

Quali sono le pensioni integrabili al minimo?

In linea generale, sono integrabili al minimo tutte le pensioni (trattamenti di previdenza, non di assistenza):

  • dirette (pensione di vecchiaia, anticipata, di anzianità…), erogate dall’Assicurazione generale dell’Inps, dai fondi esclusivi e sostitutivi della stessa e dai fondi speciali per i lavoratori autonomi dell’Inps (gestione Commercianti, Artigiani…);
  • indirette (pensione ai superstiti, di reversibilità o indiretta), erogate dall’Assicurazione generale dell’Inps, dai fondi esclusivi e sostitutivi della stessa e dai fondi speciali per i lavoratori autonomi dell’Inps (gestione Commercianti, Artigiani…).

Per quanto riguarda le pensioni corrisposte dalle gestioni di previdenza dei liberi professionisti, l’eventuale integrazione dipende dal regolamento per le prestazioni previdenziali adottato dall’ente.

Particolari regole sono disposte:

  • per l’integrazione al minimo dell’assegno ordinario di invalidità;
  • per i casi in cui il pensionato risulta titolare di più trattamenti pensionistici.

La disciplina dell’integrazione al minimo non è applicabile alle pensioni liquidate esclusivamente con le regole del sistema contributivo.

Le pensioni calcolate col sistema contributivo sono integrabili al minimo?

Nessuna integrazione al minimo è prevista, dall’attuale normativa, per le pensioni interamente calcolate col sistema contributivo; fanno eccezione le sole pensioni calcolate col sistema contributivo, ottenute dalle lavoratrici che hanno optato per l’opzione donna, prorogata dalla legge di Bilancio 2022.

Oltre all’opzione donna, sono calcolate integralmente con sistema contributivo, solitamente penalizzante in quanto si basa sui contributi accreditati e non sugli ultimi stipendi o redditi:

  • le pensioni di chi non possiede contributi versati prima del 1996;
  • le pensioni degli aderenti all’opzione contributiva [3];
  • alcune pensioni liquidate in regime di totalizzazione;
  • le pensioni degli iscritti alla gestione Separata, comprese quelle ottenute con il computo dei contributi provenienti da altre gestioni.

Limiti di reddito 2022 per il diritto al trattamento minimo

In base all’adeguamento delle pensioni applicato in via provvisoria per il 2022, i non coniugati hanno diritto all’integrazione al minimo:

  • in misura piena, con un reddito annuo non superiore a 6.809,79 euro, cioè al trattamento minimo;
  • in misura parziale, con un reddito annuo superiore a 6.809,79 euro, sino a 13.619,58  euro (cioè sino a due volte il trattamento minimo annuo).

Se il reddito supera la soglia di 13.619,58 euro, non si avrà diritto ad alcuna integrazione.

I valori esposti fanno riferimento alla rivalutazione delle pensioni del +1,6%, che sarà a breve adeguata al + 1,7%.

Come si calcola l’integrazione al minimo 2022?

Facciamo un paio di esempi per capire nel dettaglio come si calcola l’integrazione al minimo, in base ai nuovi valori 2022:

  • se il pensionato ha un reddito complessivo di 3mila euro annui ed una pensione di 200 euro mensili, ha diritto all’integrazione piena della pensione, sino ad arrivare a 523,83 euro;
  • se, invece, il reddito complessivo dell’interessato è pari a 10mila euro, l’integrazione della pensione non può essere totale, ma parziale, ossia pari alla differenza tra il limite di reddito di 13.619,58 euro ed il reddito complessivo.

Per calcolare l’integrazione mensile, si deve:

  • sottrarre il reddito totale del pensionato dalla soglia limite;
  • dividere la cifra per 13.

Nel caso preso ad esempio, dobbiamo eseguire la seguente operazione: (13.619,58 -10mila) /13. Otteniamo dunque un’integrazione mensile pari a 278,43 euro.

Limiti di reddito 2022 per il diritto al trattamento minimo: pensionati sposati

Se il pensionato risulta coniugato si applicano dei limiti di reddito più alti, ai fini dell’integrazione al minimo, ma è d’obbligo considerare tra le entrate rilevanti per la nuova soglia reddituale anche il reddito del coniuge. In particolare, si ha diritto all’integrazione, per il 2022:

  • piena, con reddito annuo complessivo proprio e del coniuge entro 20.429,37  euro e reddito del pensionato entro 6.809,79 euro;
  • parziale, con reddito annuo complessivo proprio e del coniuge oltre 20.429,37 euro, ma entro 27.239,16  euro (cioè sino a quattro volte il trattamento minimo annuo), e reddito del pensionato entro 13.619,58 euro (deve essere applicato un doppio confronto, tra reddito personale e reddito della coppia: l’integrazione applicata è pari all’importo minore risultante dal doppio confronto).

Se il reddito personale e del coniuge supera i 27.239,16 euro, o se il solo reddito personale supera la soglia di 13.619,58 euro, non si ha diritto ad alcuna integrazione.

Esempi di calcolo integrazione al trattamento minimo: pensionato sposato

Facciamo un esempio per capire nel dettaglio come si calcola l’integrazione al minimo per i pensionati sposati, in base ai nuovi valori 2022:

  • con reddito complessivo della coppia pari a 10mila euro annui, reddito personale entro 6.809,79 euro annui e pensione dell’interessato pari a 200 euro mensili, questi ha diritto all’integrazione piena della pensione, sino ad arrivare a 523,83 euro;
  • se, invece, il reddito complessivo della coppia nell’anno risulta pari a 25mila euro, l’integrazione della pensione non può essere totale, ma parziale, pari alla differenza tra il limite di reddito annuo di 27.239,16 euro ed il reddito complessivo.

Per calcolare l’integrazione mensile, si deve:

  • sottrarre il reddito totale dalla soglia limite;
  • dividere la cifra per 13.

In questo caso, si deve eseguire la seguente operazione: (27.239,16 -25.000) /13. Otteniamo dunque un’integrazione mensile pari a 172,24 euro.

Attenzione, in quest’ipotesi, alla doppia soglia: se il reddito della coppia non supera i 27.239,16 euro annui, ma il reddito del pensionato supera il limite individuale di 13.619,58 euro, non si ha diritto ad alcuna integrazione. Deve essere poi applicata l’integrazione minore risultante dal confronto tra limite e reddito della coppia e limite e reddito personale.

Nessun limite di reddito relativo alla coppia può essere applicato alle integrazioni al minimo per le pensioni con decorrenza anteriore al 1994. Se la decorrenza della pensione, invece, è collocata nel 1994, il limite di reddito è pari a 5 volte il minimo, ossia a 34.048,95 euro per il 2020.

Quali redditi entrano nelle soglie per il diritto al trattamento minimo?

Non tutti i redditi devono essere considerati rilevanti per il rispetto delle soglie limite per il diritto al trattamento minimo, ma devono essere esclusi:

  • il reddito della casa di abitazione;
  • la pensione da integrare al minimo;
  • il Tfr (trattamento di fine rapporto) ed i trattamenti assimilati (ad esempio, in regime di Tfs, come l’indennità di buonuscita, indennità premio di servizio, di anzianità…), comprese le relative anticipazioni;
  • gli arretrati da lavoro soggetti a tassazione separata;
  • i redditi esenti da Irpef, come le pensioni di guerra, le rendite Inail, le pensioni degli invalidi civili, i trattamenti di famiglia, etc.

Tutti gli altri redditi, invece, devono essere inclusi nel conteggio.

Che cos’è il congelamento del trattamento minimo?

Se il pensionato perde il diritto all’integrazione, mantiene comunque lo stesso assegno di pensione integrato, ma congelato, o cristallizzato (cioè fermo) all’ultimo importo: il rateo di pensione resta uguale sino al superamento del suo valore ad opera della perequazione automatica, cioè dell’adeguamento della pensione al costo della vita effettuato ogni anno.

Il congelamento non si applica se la pensione viene ricalcolata all’origine, ad esempio per l’uscita di uno dei contitolari della pensione di reversibilità.

Ulteriori integrazioni della pensione 2022

La pensione integrata al minimo può essere ulteriormente incrementata per effetto della maggiorazione sociale e dell’incremento al milione.

Maggiorazione sociale del trattamento minimo 2022

Osserviamo, nelle seguenti tabelle [1], come funziona la maggiorazione sociale del trattamento minimo e quali sono le soglie di reddito da rispettare per averne diritto.

Incremento al milione del trattamento minimo 2022

Osserviamo ora, nelle tabelle seguenti [1], com’è applicato al trattamento minimo l’incremento della maggiorazione sociale, o incremento al milione e quali sono i limiti di reddito.

Si precisa che l’incremento al milione può spettare anche sulle pensioni non aventi diritto all’integrazione al minimo.

Incremento del trattamento minimo con reddito e pensione di cittadinanza

Anche per il 2022, sarà possibile integrare la pensione indirettamente, per i nuclei familiari più poveri, richiedendo il reddito di cittadinanza o con la pensione minima di cittadinanza: nelle ipotesi di nucleo numeroso, questa integrazione indiretta può arrivare a far percepire anche 1.500 euro al mese di trattamenti.


note

[1] Circ. Inps 197/2021.

[2] Decreto 17 novembre 2021, emanato dal Ministro dell’Economia e delle finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, recante “Perequazione automatica delle pensioni con decorrenza dal 1° gennaio 2022, nonché valore della percentuale di variazione – anno 2021 e valore definitivo della percentuale di variazione – anno 2020”.

[3] Art. 1 co. 23 L. 335/1995.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube