Diritto e Fisco | Articoli

Come trovare una pec

7 Maggio 2022 | Autore:
Come trovare una pec

Posta elettronica certificata: cos’è e quali sono i vantaggi? Quali siti consultare per cercare la pec di professionisti, imprese e pubbliche amministrazioni?

Un tempo, chi voleva inviare una raccomandata, ad esempio per effettuare una disdetta formale o un reclamo, non aveva altra scelta che mettersi in fila all’ufficio postale e attendere il proprio turno. Oggi, tutto ciò è stato superato grazie alla posta elettronica certificata. In pratica, si tratta di un’email che ha il valore di una raccomandata con avviso di ricevimento. I vantaggi sono davvero numerosi, come vedremo a breve. Con questo articolo ci occuperemo di un aspetto specifico: come trovare una pec?

La pec funge da vero e proprio domicilio digitale per chi ce l’ha; ciò significa, in pratica, che l’indirizzo pec è equiparabile all’indirizzo di casa, almeno ai fini della validità della comunicazione trasmessa con la posta certificata. Si pone dunque il problema di comprendere come rintracciare la pec del destinatario che ci interessa. Per fortuna esistono dei registri da consultare, una specie di “elenchi telefonici” del nuovo millennio. Se l’argomento ti interessa, prosegui nella lettura: vedremo insieme come trovare una pec?

Cos’è la pec?

La posta elettronica certificata è il sistema che consente di inviare email con valore legale equiparato ad una raccomandata con avviso di ricevimento [1].

Rispetto all’email ordinaria, la pec garantisce al suo titolare la certezza dell’invio e della consegna della comunicazione inviata al destinatario.

Pec: quali sono i vantaggi?

Abbiamo detto che la posta certificata funziona esattamente come la raccomandata con avviso di ricevimento, sostituendola del tutto, in quanto chi invia una pec può dimostrare sia l’invio del messaggio che la sua ricezione.

Rispetto alla comune raccomandata, la posta elettronica certificata presenta notevoli vantaggi, in quanto:

  • rilascia l’attestazione non solo dell’invio e della ricezione, ma perfino dell’orario esatto di spedizione;
  • è economica. Mediamente, una casella pec costa poco più di 7 euro all’anno, mentre una singola raccomandata a/r inviata con le Poste Italiane costa almeno 6,50 euro;
  • garantisce la certezza del contenuto, cioè di ciò che è stato scritto all’interno del messaggio, non essendo possibile nessun tipo di modifica né al messaggio né agli eventuali allegati;
  • si ha la certezza immediata del corretto invio e della ricezione del messaggio.

Pec: è obbligatoria?

Per legge ci sono determinati soggetti che devono necessariamente avere la pec. Si tratta dei liberi professionisti (avvocati, ingegneri, commercialisti, ecc.), delle società e delle pubbliche amministrazioni.

Tutti questi soggetti devono per forza avere una pec. È in riferimento a costoro, dunque, che si pone essenzialmente il problema di sapere come trovare una pec, in quanto per i privati cittadini che hanno scelto di avere una pec non vi sono database pubblici ai quali potersi affidare.

Come trovare la pec dei professionisti?

Abbiamo detto che i professionisti devono essere titolari di una propria pec, la quale rende più facile lo svolgimento dei propri adempimenti e, allo stesso tempo, molto più semplice per i privati cittadini mettersi in contatto con loro: ed infatti, la legge ha istituito nel 2013 un apposito registro liberamente accessibile e contenente tutte le pec regolarmente comunicate. Si tratta dell’Ini-Pec (Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata), istituito con lo scopo di offrire un punto unico di accesso istituzionale in cui effettuare le ricerca degli indirizzi di posta elettronica certificata di tutti i professionisti e le imprese.

L’Ini-pec è liberamente accessibile; pertanto, chi intende conoscere la pec di un professionista, potrà avvalersi di questo motore di ricerca, inserendo il codice fiscale del soggetto il cui indirizzo di posta certificata interessa.

In alternativa, se non si è a conoscenza di sufficienti informazioni da inserire nel modulo che il sito Ini-pec richiede, bisogna ricordare che i dati dei professionisti iscritti a un ordine (avvocati, geometri, ingegneri, medici, ecc.) sono consultabili accedendo liberamente al sito Internet dell’ordine stesso (ad esempio, quello dei medici, dei notai, degli avvocati, ecc.).

Ognuno di questi siti contiene in genere l’albo di tutti gli iscritti, con all’interno i dati principali. Se tra questi non dovesse esservi la pec, sarà possibile almeno ottenere il codice fiscale da utilizzare poi sul sito Ini-pec.

Come trovare la pec delle società?

Così come per i professionisti, il registro Ini-pec può essere utilizzato per trovare la pec delle società e di ogni impresa.

Per trovare una pec su Ini-pec è sufficiente conoscere la partita Iva o il codice fiscale della società: è l’unico requisito obbligatoriamente richiesto per effettuare la ricerca.

In alternativa, si può utilizzare anche il motore di ricerca messo a disposizione dal sito del registro delle imprese. Tutte le aziende italiane, incluse le ditte individuali, hanno infatti l’obbligo di registrare un indirizzo di posta elettronica certificato valido nel registro delle imprese.

Come trovare la pec della pubblica amministrazione?

Per trovare la pec di una pubblica amministrazione (Inps, tribunali, scuole, ecc.) bisogna collegarsi al sito internet Ipa (acronimo di Indice delle pubbliche amministrazioni). I criteri di ricerca sono molteplici: per area geografica, per alfabeto, per denominazione.

Come trovare la pec di un privato?

Come anticipato, purtroppo non esiste un registro pubblico che consenta di verificare gli indirizzi di posta elettronica certificata dei privati. Alla luce di ciò, l’unica cosa da fare è sperare che il titolare della pec abbia reso disponibile quest’informazione su Internet e, dunque, rintracciabile tramite Google.


note

[1] D.P.R. n. 68 dell’11 Febbraio 2005.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube