Diritto e Fisco | Editoriale

Più difficile diventare avvocati cassazionisti: il nuovo regolamento del CNF

28 Luglio 2014 | Autore:
Più difficile diventare avvocati cassazionisti: il nuovo regolamento del CNF

Indignazione e amarezza nella reazione dell’AIGA: “la nuova disciplina mira a bloccare i giovani avvocati”.

L’accesso  all’albo degli avvocati cassazionisti sta per cambiare radicalmente e con un sistema che non si vergogna, neanche più di tanto, di mostrare la propria finalità restrittiva.

È l’ennesima dimostrazione che, all’interno dell’avvocatura è in atto una vera e propria guerra civile, giocata senza mezzi colpi, da due parti che ormai sono quasi giunte alla soglia del reciproco odio: da un lato, giovani e intraprendenti professionisti, che stanno portando una ventata di modernità nell’approccio alla professione (grazie anche ai nuovi media), pur combattendo contro una crisi del settore galoppante; dall’altro, invece, gli studi più organizzati, specializzati e con un asset ormai di vere e proprie aziende.

Secondi i nuovi regolamenti varati dal CNF, e ormai nel mirino di tutte le associazioni rappresentative dei giovani avvocati, dal 2016 tutto cambierà. E in peggio. Il sistema, infatti, è ben congeniato – grida l’AIGA – per bloccare i giovani.

Le due vie

Chi, entro il 2016, avrà maturato i requisiti in base alla precedente normativa non avrà nulla da temere. Egli potrà iscriversi all’elenco dei Cassazionisti dopo 12 anni di anzianità di iscrizione all’albo e aver dimostrato l’esercizio effettivo della professione.

I problemi, invece, vengono per tutti gli altri.

Bisognerà maturare 8 anni di iscrizione all’albo e dimostrare di aver patrocinato ben 10 giudizi in Corte d’Appello negli ultimi 4 anni.

Bisognerà poi frequentare proficuamente un corso organizzato dalla Scuola superiore dell’avvocatura  che si terrà per la maggior parte a Roma. Al corso si accederà dopo aver prima superato un test di ammissione, valutato da una commissione la cui composizione è decisa dal CNF.

Neanche a dirlo, l’ammissione al test è subordinata al pagamento di un contributo economico così elevato che sono state previste delle borse di studio per chi non se lo potrà permettere. Borse i cui requisiti di assegnazione sono sempre previsti dal CNF.

Inoltre, avvenuta l’iscrizione alla Scuola, il candidato dovrà frequentare almeno 140 ore di corso a Roma e altre 20 ore (forse) presso la propria corte distrettuale. Dovrà poi tornare a Roma in una data individuata dal CNF per svolgere la verifica finale di idoneità. Qui la commissione indicata dal CNF sottoporrà il candidato a una prova scritta e una prova orale. Ampissimo potere della commissione che, oltre a valutare le conoscenze giuridiche dell’aspirante cassazionista ne valuterà persino – parole testuali – “la maturità”!.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Nell’articolo si legge che gli avvocati che avranno maturato i vecchi requisiti per diventare cassazionisti (12 anni) entro il 2016 non dovranno sostenere gli esami previsti dalla nouva normativa. Ora sul sito del CNF è specificato che bisogna maturare i 12 anni entro febraio 2016. quale è il termine esatto?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube