Diritto e Fisco | Articoli

Come avvengono i controlli sulla vaccinazione obbligatoria Covid-19?

9 Gennaio 2022
Come avvengono i controlli sulla vaccinazione obbligatoria Covid-19?

Agenzia Entrate controllerà il mancato rispetto dell’obbligo di farsi il vaccino e poi notificherà un avviso di addebito.

«Come fa l’Agenzia delle Entrate a sapere che non mi sono vaccinato?». È questo l’interrogativo che molti italiani si stanno ponendo all’indomani dell’introduzione dell’obbligo vaccinale contro il coronavirus. In altri termini, come avvengono i controlli per la vaccinazione Covid-19? Ci sarà la polizia per strada a chiedere il green pass, entrerà nei luoghi di lavoro o verremo interpellati tutti dagli uffici dell’Asl? Nulla di tutto ciò. I controlli saranno molto più semplici di quanto si possa ritenere. 

Innanzitutto, ricordiamo che la sanzione amministrativa di 100 euro sarà comminata dal ministero della Salute per il tramite di Agenzia Entrate-Riscossione (Ader). La “multa” (che quindi non ha ripercussioni sulla fedina penale) colpirà i soggetti che al 1° febbraio 2022: 

  • non abbiano iniziato il ciclo vaccinale primario; 
  • non abbiano completato il ciclo vaccinale primario, nei tempi previsti dal ministero della Salute; 
  • non abbiano effettuato la dose di richiamo (booster) dopo il completamento del ciclo primario, entro il termine di validità del green pass.

I controlli saranno fatti direttamente dalle autorità preposte (ossia ministero della Salute ed Agenzia delle Entrate) attraverso i terminali e quindi senza bisogno di eseguire verifiche per strada. Verranno incrociati i dati in possesso delle aziende sanitarie e quelli che riguardano la popolazione residente. In questo modo, non sarà complicato capire chi, avendo compiuto i 50 anni, risulta vaccinato e chi no, visto che l’avvenuta inoculazione risulta negli archivi delle Asl o degli uffici regionali e che c’è un elenco di persone a cui è stato inviato il link per scaricare il Green pass. Chi non è presente in questi elenchi non ha sicuramente fatto il vaccino.

Dopo che le autorità avranno accertato l’elenco dei cittadini il cui nominativo non è negli elenchi dei soggetti vaccinati apriranno un’istruttoria. A questo punto, Agenzia Entrate-Riscossione invierà agli interessati un avviso di avvio del provvedimento sanzionatorio. In questa fase, non viene quindi comminata ancora la multa. 

L’interessato avrà 10 giorni – termine perentorio – per rispondere alla comunicazione, trasmettendo alle Asl e ad Agenzia Entrate-Riscossione una certificazione attestante l’insussistenza dell’obbligo vaccinale ovvero le ragioni che ne giustificano il differimento. 

Dell’avvenuta trasmissione della certificazione, i cittadini dovranno dare notizia all’Ader. 

Le Asl, a loro volta, avranno 10 giorni di tempo – anche questi qualificati come perentori – per verificare le certificazioni prodotte, anche a seguito di un contraddittorio eventuale con l’interessato, e se del caso comunicare all’Ader la fondatezza delle stesse. 

Il mancato riscontro da parte delle Asl entro il termine molto breve di 10 giorni -il cui rispetto sembra piuttosto improbabile – costituisce “silenzio rigetto” e quindi la procedura sanzionatoria prosegue. 

Agenzia Entrate Riscossione, una volta ricevuta la comunicazione delle Asl riferita ai soggetti “giustificati” e dunque esenti da sanzione, entro 180 giorni da questa, notificherà agli inadempienti un avviso di addebito, ex articolo 30, Dl 78/2010 che avrà efficacia esecutiva e giustificherà l’avvio della riscossione esattoriale con pignoramento dei beni. 

 

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube