Diritto e Fisco | Articoli

Istituzioni dell’Unione Europea: poteri e funzioni

16 Maggio 2022 | Autore: Federico Barbato
Istituzioni dell’Unione Europea: poteri e funzioni

Quali sono le Istituzioni dell’Unione Europea? Con quali poteri e funzioni operano?

Ti sei mai chiesto attraverso quali organi e con che poteri opera l’Unione Europea? L’UE viene spesso avvertita da alcuni come un’entità lontana dai problemi dei cittadini, di cui non se ne conoscono le modalità di funzionamento. Nell’annoso dibattito tra europeisti ed euroscettici è utile allora fare luce sulle Istituzioni dell’Unione Europea: poteri e funzioni.

L’Unione Europea manifesta la sua volontà ed esprime le sue decisioni attraverso una complessa architettura istituzionale nella quale svolgono un ruolo fondamentale le seguenti istituzioni: il Parlamento europeo; il Consiglio Europeo; il Consiglio; la Commissione europea; la Corte di Giustizia; la Banca Centrale Europea; la Corte dei Conti.

In questo articolo esamineremo come vengono suddivisi i poteri e le funzioni tra le varie Istituzioni dell’Unione Europea.

Il Parlamento europeo

A seguito dell’uscita del Regno Unito dall’UE, il Parlamento europeo è composto da 705 membri eletti in ogni Stato membro a suffragio universale e diretto per un periodo di cinque anni. Similmente ai parlamentari interni, gli europarlamentari esercitano la funzione legislativa e quella di bilancio. Tale funzione viene condivisa dal Parlamento con il Consiglio.

Il Parlamento esercita inoltre funzioni di controllo politico, funzioni consultive e nomina il Presidente della Commissione europea. Negli anni, si è voluto attribuire una sempre maggiore indipendenza e importanza a tale istituzione, per cui gli europarlamentari non possono essere vincolati da istituzioni né sottostare a mandato imperativo da parte del Paese di appartenenza. Oltretutto, le cariche di parlamentare interno ed europarlamentare sono incompatibili.

Infine, tra i poteri del Parlamento europeo, particolarmente importante è la mozione di censura con la quale può obbligare i membri della Commissione europea alle dimissioni. Si tratta quindi dell’organo europeo maggiormente “democratico” e rappresentativo del popolo. Siamo noi ad eleggere gli europarlamentari per rappresentare i nostri interessi nel processo legislativo europeo.

E se volessimo interloquire direttamente con il Parlamento? Ebbene, ogni cittadino ha il diritto di presentare un reclamo o una richiesta al Parlamento europeo in merito a questioni concernenti l’UE. La petizione può contenere una richiesta personale, un reclamo o un’osservazione riguardo all’applicazione della normativa comunitaria o invitare il Parlamento europeo a pronunciarsi su una determinata questione.

Il Consiglio europeo 

Il Consiglio europeo è composto dai capi di Stato o di governo degli Stati membri, dal suo Presidente e dal Presidente della Commissione europea. Tale istituzione può essere considerata titolare del potere di indirizzo politico dell’Unione. Infatti, essa dà all’Unione gli impulsi necessari al suo sviluppo e ne definisce gli orientamenti e le priorità politiche generali, in particolar modo nell’ambito della politica estera e di sicurezza comune. Stabilisce, quindi, l’agenda politica dell’Unione, generalmente adottando nelle sue riunioni “conclusioni” che individuano le questioni problematiche e le azioni da intraprendere.

Il Consiglio dell’Unione Europea

Il Consiglio dell’Unione Europea viene comunemente denominato “Consiglio”, si tratta di un organo di Stati a composizione variabile. È infatti composto da un rappresentante di ciascuno Stato membro scelto nell’ambito del rispettivo governo, in funzione delle materie trattate. Tale organo condivide con il Parlamento europeo la funzione legislativa e di bilancio, definisce e coordina le politiche economiche, adotta gli atti di natura non vincolanti di indirizzo politico.

La Commissione europea 

La Commissione europea può essere definita come organo esecutivo, indipendente, collegiale e a tempo pieno. Tale istituzione ha il compito di far applicare i trattati e gli atti normativi, nonché di gestire le politiche dell’Unione. I Commissari sono scelti, al termine di una procedura articolata che vede protagonisti Consiglio europeo e Parlamento, in base alla loro competenza generale e al loro impegno europeo. Una volta in carica, questi esercitano le funzioni in regime di piena indipendenza, agendo non da rappresentanti degli Stati, ma nell’esclusivo interesse dell’Unione.
Tra le funzioni riservate alla Commissione decisamente importante è quella di iniziativa legislativa, avendo il potere esclusivo di proporre un atto legislativo al Consiglio e al Parlamento.

Inoltre, la Commissione svolge un ruolo decisivo nella gestione dei Fondi strutturali che, nei prossimi anni, avranno il compito di perseguire attraverso un ingente impiego di risorse economiche la realizzazione di un’Europa più intelligente, più verde, più connessa, più vicina ai cittadini, più sociale e inclusiva.

La Corte di Giustizia 

La Corte di Giustizia si pone al vertice del sistema giurisdizionale europeo. Il suo compito è quello di assicurare il rispetto del diritto dell’Unione attraverso la sua interpretazione e il controllo giurisdizionale degli atti e dei comportamenti delle istituzioni. Tale organo, si differenzia da altri organi giurisdizionali interni poiché possono adire la Corte non soltanto gli Stati membri, ma anche le istituzioni dell’Unione, nonché le persone fisiche e giuridiche a determinate condizioni. Tutte le controversie nascono e sono decise nell’ambito del diritto dell’Unione.

La Corte è composta da un giudice per ciascuno Stato membro ed ha sede a Lussemburgo. Tale istituzione ha giocato un ruolo decisivo nel riconoscimento di alcuni diritti e libertà a tutti i cittadini europei, quali: la libera circolazione delle persone e dei servizi; la parità di trattamento tra donne e uomini; la tutela dei diritti sociali e dei diritti fondamentali delle persone.

La Banca centrale europea

La Banca centrale europea (Bce), con sede a Francoforte, costituisce insieme alle banche centrali nazionali il Sistema europeo delle banche centrali (Sebc), il cui obiettivo principale consiste nel mantenimento della stabilità dei prezzi. La Bce è responsabile della moneta unica europea e il suo compito è preservarne il potere di acquisto. Inoltre, ha il diritto esclusivo di autorizzare l’emissione di banconote in euro all’interno dell’Unione.

La stabilità dei prezzi garantisce la crescita economica, la sicurezza dei posti di lavoro e la perseveranza del potere d’acquisto dell’euro. Senza dimenticare come la Bce vigila sulle grandi banche nazionali, garantendo la sicurezza dei nostri risparmi.

La Corte dei Conti 

Infine, la Corte dei Conti è l’istituzione che si occupa del controllo sulla gestione finanziaria dell’Unione. In particolare, essa ha il compito di assistere Parlamento e Consiglio nell’esercizio del controllo sull’esecuzione del bilancio e di assicurare la correttezza della gestione finanziaria. A tal fine, spetta alla Corte:

  • un controllo formale di legittimità diretto a verificare la correttezza e la regolarità di tutte le entrate e le spese dell’Unione;
  • un controllo di merito volto ad accertare la sana gestione finanziaria in termini di efficacia, economicità ed efficienza.


Di Federico Barbato


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube