Diritto e Fisco | Articoli

Più multe in un giorno con l’autovelox: quante ne pago?

21 Maggio 2022 | Autore:
Più multe in un giorno con l’autovelox: quante ne pago?

Quando si può evitare di accumulare più sanzioni per eccesso di velocità. Quando si rischia di dover fare la revisione della patente e l’esame di idoneità.

Stai andando al lavoro in auto e, tanto per cambiare, sei in ritardo. Per non sentire l’ennesima ramanzina del capo, schiacci un po’ più del dovuto l’acceleratore senza ricordarti che su quel rettilineo c’è piazzato un autovelox. Difficile che la passi liscia: sai già che ti arriverà a casa la fatidica busta verde. Ma non è finita: quella sera devi essere a casa ad una certa ora perché hai un impegno immancabile con la famiglia. Per non sentire l’ennesima ramanzina di tua moglie, commetti lo stesso errore fatto al mattino e ottieni lo stesso risultato: hai superato il limite consentito e sai che il rilevatore di velocità non perdona. A quel punto, giustamente, ti chiedi: «Avendo preso più multe in un giorno con l’autovelox, quante ne pago? Dovrò mica moltiplicare per due la singola sanzione?».

La risposta è «dipende». Ci possono essere parecchie ipotesi: c’è chi prende due multe con lo stesso autovelox, chi viene pizzicato ad alta velocità da due apparecchi diversi, chi addirittura con un solo comportamento commette più infrazioni. In alcuni casi, è possibile applicare il cosiddetto cumulo giuridico, previsto dal Codice della strada: si paga la sanzione più elevata e l’importo viene moltiplicato per tre. Il che – ammesso che sia possibile – non sempre garantisce un risparmio. Vediamo quante multe per autovelox si pagano prendendone due in un solo giorno.

Più multe in un giorno: cos’è il cumulo giuridico?

Abbiamo appena citato la possibilità di appellarsi al cumulo giuridico quando si prendono due o più multe in un solo giorno. Di che cosa si tratta?

Il cumulo giuridico, o «concorso formale di violazioni» è una regola prevista dal Codice della strada [1] che può essere applicata quando vengono violate più norme con lo stesso comportamento. Il conducente, in pratica, paga una sola multa (quella più alta) aumentata fino al triplo. Il cumulo, però, scatta al momento del pagamento e non alla contestazione. Per capirci: l’agente è tenuto ad inviare all’automobilista tanti verbali quante infrazioni sono state commesse. Il trasgressore prenderà il suo bel mazzetto di multe, si recherà dall’organo accertatore e chiederà il cumulo giuridico. A quel punto, pagherà il triplo della sanzione più grave. Se ha due multe da 80 euro ciascuna e un’altra da 100, pagherà quella da 100 euro con la maggiorazione fino al triplo, quindi fino a 300 euro. Se così fosse, probabilmente gli converrebbe pagarle tutte senza il cumulo.

L’ufficio accertatore ne darà immediata comunicazione al Prefetto, in modo che le multe non pagate non vengano contestate in futuro.

Stiamo parlando, in questo caso di multe per eccesso di velocità. Perché questa regola ha un’importante eccezione ed è quella che riguarda le zone a traffico limitato, cioè le Ztl, e le aree pedonali: in questi casi – recita il Codice – «il trasgressore ai divieti di accesso e agli altri singoli obblighi e divieti o limitazioni soggiace alle sanzioni previste per ogni singola violazione». In altre parole, entri quattro volte senza autorizzazione in una Ztl e paghi le quattro multe.

Più multe nello stesso giorno: quante ne pago?

Veniamo alle probabilità di prendere più multe per eccesso di velocità in un solo giorno. Una prima ipotesi è quella descritta nell’esempio riportato nell’introduzione di questo articolo: l’automobilista prende più multe nello stesso giorno con lo stesso autovelox. Quante ne paga?

In questo caso, le paga tutte e due. Non è possibile applicare il cumulo giuridico, infatti, poiché manca il principio di azioni concatenate e contestuali. Che significa? Vuol dire che il viaggio di andata e quello di ritorno vengono considerati due tragitti diversi. Lo stesso vale quando le due sanzioni scattano con lo stesso autovelox in due giorni diversi.

Diversa, invece, la situazione che si presenta quando le due multe vengono prese sulla stessa strada con due autovelox diversi. In pratica, quella mattina che stai andando al lavoro o la sera mentre torni a casa, trovi due apparecchi a distanza di qualche chilometro l’uno dall’altro. Il tragitto viene considerato unico, poiché – come chiarito dalla giurisprudenza in mancanza di precisazioni sul Codice – valgono i criteri di concatenazione e contestualità dei due eventi. Subentra, pertanto, la regola del cumulo giuridico. Il Codice, infatti, dice che «chi commette più violazioni della stessa disposizione, soggiace alla sanzione prevista per la violazione più grave, aumentata fino al triplo».

Tre multe per autovelox in un anno: cosa si rischia?

Abbiamo parlato di più multe per autovelox nello stesso giorno. Ma che succede se scattano più sanzioni per eccesso di velocità in un solo anno? Anche qui la risposta è «dipende». Dipende da quanto viene superato il limite.

La regola dice che se un automobilista prende tre multe nell’arco di un anno che comportano la decurtazione di almeno cinque punti ciascuna, c’è l’obbligo di fare la revisione della patente e l’esame di idoneità tecnica. Si torna a scuola-guida, insomma.

Ora, per restare nell’argomento che ci occupa: quante multe con l’autovelox si possono prendere senza correre il rischio di fare la revisione della patente? Tocca prendere in mano il Codice della strada e ricordare che:

  • per superare il limite di velocità da 10 a 40 km/h si perdono tre punti;
  • per superare il limite tra 40 e 60 km/h si perdono sei punti;
  • per superare il limite di oltre 60 km/h si perdono 10 punti.

Ciò significa che con tre multe per avere superato in un anno il limite fino a 40 km/h non si rischia la revisione e l’esame di patente, poiché non si arriva alla decurtazione di cinque punti. Ma se le sanzioni scattano per aver superato il limite di almeno 41 km/h tre volte nell’arco di un anno, revisione ed esame saranno inevitabili.


note

[1] Art. 198 cod. str.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube