Diritto e Fisco | Editoriale

Francia libera dall'(in)equo compenso


> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 ottobre 2011



La ghigliottina dell’egalité ha definitivamente mozzato la testa dell’equo compenso. A liberare la lama è stata una sentenza del Consiglio di Stato francese del 17 giugno scorso con cui il supremo giudice amministrativo, accogliendo la domanda di numerose associazioni e produttori di hardware (tra cui Motorola, Sony-Ericsson, Packard Bell, Nokia, Canal + e altre), ha dichiarato illegittima la disciplina d’oltralpe in materia di equo compenso per copia privata.

La decisione prende le mosse da una recentissima sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europa (C-467/08 del 21.10.2010), che aveva avuto modo di bacchettare i singoli stati membri – e soprattutto l’Italia – riguardo all’interpretazione e applicazione delle relative discipline nazionali.

Per comprendere però l’evoluzione dei fatti, bisogna fare un passo indietro, dando innanzitutto uno sguardo alla nostra normativa interna, come sempre parametro di riferimento di ciò che “non deve essere”.

L’articolo prosegue per I-dome a questo indirizzo

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI