Diritto e Fisco | Articoli

Posso pagare l’avvocato con il reddito di cittadinanza?

28 Maggio 2022 | Autore:
Posso pagare l’avvocato con il reddito di cittadinanza?

È possibile usare il sussidio statale per pagare la parcella di un legale? Il reddito di cittadinanza si calcola ai fini del gratuito patrocinio?  

Da qualche anno, il Governo italiano ha introdotto il reddito di cittadinanza a sostegno delle persone meno abbienti. Questo sussidio può essere usato solamente per determinate spese, in genere legate strettamente ai bisogni essenziali della persona, come ad esempio il vitto e l’alloggio. Pertanto, con il reddito di cittadinanza si possono comprare alimenti, vestiti e farmaci; è possibile altresì pagare il fitto di casa. Navigando in Internet ricorre di frequente questa domanda: posso pagare l’avvocato con il reddito di cittadinanza?

In effetti, una persona potrebbe vedersi costretta a nominare un legale, ad esempio perché citata in causa oppure perché imputata di un reato. In casi del genere, l’assistenza di un avvocato è praticamente necessaria, se solo si pensa che, nelle cause civili, si può stare in giudizio personalmente solo per giudizi di scarso valore, mentre nel processo penale l’avvocato è obbligatorio per legge, non potendo scegliere di non farsi assistere. Si può pagare l’avvocato con il reddito di cittadinanza? Scopriamolo insieme.

Reddito di cittadinanza: cosa si può comprare?

Cosa si può comprare con il reddito di cittadinanza? Come detto in apertura, il reddito di cittadinanza è un sussidio per persone disoccupate oppure per quanti, pur lavorando, non superano una determinata soglia di reddito fissata dalla legge. Si tratta di un sostegno economico pensato solamente per l’acquisto di beni di prima necessità, occorrenti per poter vivere dignitosamente. Da tanto deriva che con il reddito di cittadinanza si possono acquistare anche cose non strettamente indispensabili, come ad esempio il cellulare.

Per la precisione, con il reddito di cittadinanza si possono comprare: alimenti, vestiti, farmaci, libri, mobili, piccoli o grandi elettrodomestici e telefonini.

Con il reddito di cittadinanza è altresì possibile pagare il mutuo, l’affitto e tutte le utenze domestiche.

Reddito di cittadinanza: cosa non si può comprare?

Con il reddito di cittadinanza non è possibile acquistare nessun tipo di bene di lusso, come ad esempio gioielli e pellicce.

Con questo sussidio non è possibile acquistare nemmeno imbarcazioni, armi, materiale pornografico e servizi per adulti, servizi finanziari, creditizi, di trasferimento di denaro e assicurativi. Non è possibile altresì acquistare superalcolici.

Reddito di cittadinanza: si può pagare l’avvocato?

Con il reddito di cittadinanza non è possibile pagare l’avvocato. L’esclusione potrebbe sembrare ingiusta, soprattutto tutte quelle volte in cui si è citati in giudizio e bisogna comparire per difendersi.

Il reddito di cittadinanza non serve a pagare l’avvocato perché esiste un altro istituto giuridico che consente di poter beneficiare gratuitamente dell’assistenza di un legale: si tratta del patrocinio a spese dello Stato, meglio noto come gratuito patrocinio. Vediamo in cosa consiste e a quali condizioni si può accedere.

Gratuito patrocinio: cos’è e come funziona?

La legge consente a tutte le persone non abbienti di ottenere l’assistenza gratuita di un legale, la cui parcella è pagata direttamente dallo Stato.

Per accedere al gratuito patrocinio occorre avere un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a 11.746,68 euro.

Se l’istante convive con il coniuge, l’unito civilmente o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso il richiedente.

Eccezionalmente, si tiene conto del solo reddito personale quando sono oggetto della causa diritti della personalità, ovvero nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi (pensa ad una causa di separazione, ad esempio).

Solo nei giudizi penali, il limite di reddito visto prima (11.746.68 euro) è aumentato di 1.032,91 euro per ogni familiare eventualmente convivente con l’interessato.

Gratuito patrocinio: si calcola il reddito di cittadinanza?

Ai fini del raggiungimento della soglia di reddito stabilita per poter accedere al gratuito patrocinio vanno calcolate anche le somme percepite col reddito di cittadinanza.

In altre parole, il reddito di cittadinanza va considerato nel calcolo del reddito per l’ammissione al gratuito patrocinio. Di conseguenza non può essere ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato il soggetto che, per effetto dell’erogazione di tali somme, superi il limite di reddito previsto a tal fine. Per il gratuito patrocinio, infatti, si tiene conto anche dei redditi che per legge sono esenti dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta, ovvero ad imposta sostitutiva.

Di conseguenza, chi percepisce il reddito di cittadinanza e ha un reddito non superiore agli 11.746,68, potrà ottenere l’assistenza gratuita di un avvocato; in caso contrario, dovrà pagarselo di tasca propria, ma non con la carta dedicata al reddito di cittadinanza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube