Diritto e Fisco | Articoli

Locazione: il deposito cauzionale

3 Agosto 2014
Locazione: il deposito cauzionale

Guida pratica sull’importo del deposito cauzionale, sulla restituzione e sui termini processuali entro cui agire.

Il locatore ha la facoltà di richiedere al conduttore il versamento di una somma di denaro a titolo di deposito cauzionale. Con l’abrogazione della legge sull’equo canone è superata la previsione di una cauzione di misura pari a tre mensilità. Pertanto le parti possono anche accordarsi per una misura maggiore o minore.

Il deposito ha la funzione di garanzia dell’adempimento da parte del conduttore degli impegni che questi si è assunto con il contratto, dal regolare pagamento dei canoni alla restituzione dell’immobile locato allo spirare del termine finale e sino al ripristino dei danni eventualmente da lui arrecati all’alloggio oggetto del contratto.

Per l’effetto, nel caso in cui il conduttore non adempia alle proprie obbligazioni, il locatore può trattenere, in tutto o in parte, la cauzione al termine del contratto.

L’obbligo di restituzione è correlato alla verifica della condizione che il conduttore abbia integralmente adempiuto alle proprie obbligazioni; diversamente entra in gioco la funzione specifica del deposito, che è appunto quella di garantire preventivamente il locatore dagli inadempimenti del conduttore.

Nel caso di vendita di immobile locato, il nuovo acquirente-locatore sarà tenuto alla restituzione, in favore del conduttore,  del deposito cauzionale.

Al momento del rilascio dell’immobile locato, il locatore deve restituire la cauzione ricevuta, a meno che non la trattenga, anche in parte, per sopperire a un eventuale inadempimento del conduttore o a eventuali danni provati nell’unità immobiliare.

Il deposito può essere restituito anche in tempi successivi alla riconsegna dell’immobile, ma non può essere trattenuto a tempo indeterminato allo scopo di una futura rivalsa, dovendo quest’ultima formare semmai oggetto di specifico giudizio.

Se il padrone di casa non restituisce il deposito cauzionale, l’inquilino può chiedere un decreto ingiuntivo in tribunale nei suoi confronti. Il locatore, allora, potrebbe proporre opposizione per far valere i propri diritti in ordine ai lamentati danni riscontrati nell’immobile rilasciato oppure ad altre inadempienze poste dal conduttore.

Il deposito genera sempre interessi legali, che vanno sempre restituiti all’inquilino anche se il contratto prevede diversamente (tale clausola, infatti, sarebbe nulla).

Il diritto del conduttore a vedersi restituito il deposito cauzionale si prescrive in dieci anni: entro tale termine, pertanto – che decorre dalla cessazione del rapporto di locazione, o meglio, dal momento di effettiva riconsegna dell’immobile – egli può agire in tribunale per ottenerne la restituzione.

Entro invece cinque anni il locatore può agire in causa per ottenere il pagamento del canone locativo, mentre per quel che riguarda la domanda del conduttore di restituzione delle somme versate in più rispetto a quelle legalmente dovute e ovvero versate non a titolo di canone deve trovare applicazione il termine di prescrizione di dieci anni.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube