Diritto e Fisco | Articoli

Trasfusioni di sangue infetto: il risarcimento entro 5 anni

4 Agosto 2014
Trasfusioni di sangue infetto: il risarcimento entro 5 anni

Prescrizione per virus da emotrasfusioni: risarcimento dei danni al Ministero entro il quinquennio.

Non sono, purtroppo, rari i casi di infezioni da virus HBV, HIV e HCV contratte da soggetti emotrasfusi. In tali ipotesi, il diritto al risarcimento del danno da parte di chi assume di aver contratto tali patologie per fatto doloso o colposo della struttura sanitaria è soggetto al termine di prescrizione quinquennale: il che significa che la causa per ottenere il risarcimento va proposta entro cinque anni; diversamente, non si potrà più ottenere alcun ristoro.

Lo ha detto la Cassazione in una recente sentenza [1].

Il Ministero della Salute ha l’obbligo di controllo e di vigilanza in materia di raccolta e distribuzione di sangue umano per uso terapeutico. Si tratta di una attività della massima delicatezza: per cui, in caso di omissione di tale attività, con conseguente insorgenza di una patologia da virus HIV, HBV o HCV in soggetto emotrasfuso, si può ritenere – in assenza di altri fattori alternativi – che tale omissione abbia causato la malattia e che se invece il Ministero avesse svolto il doveroso controllo l’evento non si sarebbe verificato [2].

Di conseguenza, la responsabilità dell’evento lesivo può agevolmente ricavarsi dall’omissione, da parte del Ministero, dei controlli sull’idoneità del sangue oggetto di trasfusione [3].

La responsabilità del Ministero della salute per i danni conseguenti ad infezioni da virus HBV, HIV e HCV non può essere qualificata come “contrattuale”, poiché tra il Ministero e il paziente non si è formalizzato alcun contratto (neanche un “contratto sociale”). Pertanto si parla di responsabilità extracontrattuale e, come in tutti i casi di responsabilità extracontrattuale, la richiesta di risarcimento del danno da parte degli infetti può essere avanzata entro massimo cinque anni.

Tale termine decorre poi [4] dal giorno in cui il paziente è venuto a conoscenza della malattia o avrebbe potuto conoscerla usando l’ordinaria diligenza e tenendo conto della diffusione delle conoscenze scientifiche.



note

[1] Cass. sent. n. 17403/14 del 30.07.2014.

[2] Cass., S.U., sent. n. 576/08.

[3] Cass., sent. n. 17685/11.

[4] A norma degli artt. 2935 e 2947, comma 1, cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube