Diritto e Fisco | Articoli

Ritardo autobus: ho diritto al rimborso?

4 Giugno 2022 | Autore:
Ritardo autobus: ho diritto al rimborso?

Quali sono i diritti dei passeggeri nel settore del trasporto con autobus?

Il Regolamento UE n. 181/2011, entrato in vigore il 1° marzo 2013, prevede una serie minima di diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus all’interno dell’Unione Europea, tutelando, in particolare, coloro che utilizzano tali servizi di trasporto per tratte pari o superiori a 250 km. Alla luce del predetto Regolamento, il passeggero deve essere garantito in caso di cancellazione/ritardo alla partenza o di accettazione di un numero di prenotazioni superiore ai posti disponibili sul mezzo (cosiddetto overbooking). Pertanto, se compio un viaggio a lunga percorrenza, ho diritto al rimborso qualora il ritardo dell’autobus sia prolungato, ovvero sia superiore a 120 minuti. Se il viaggio ha una durata superiore a 3 ore, in caso di cancellazione o di ritardo alla partenza superiore a 90 minuti, ho diritto ad un’adeguata assistenza.

Una situazione diversa si ha, invece, se utilizzo un autobus del trasporto pubblico locale, ovvero uno di quelli che viaggiano nel territorio urbano o extraurbano. In tale ipotesi, infatti, non ho diritto al rimborso se il mezzo fa ritardo, ad esempio per il traffico o per un guasto, non essendo prevista alcuna tutela per il passeggero.

Ritardo dell’autobus: quando ho diritto al rimborso?

Come si è già avuto modo di dire in precedenza per i servizi di trasporto di distanza pari o superiore a 250 km, il diritto al rimborso spetta al viaggiatore solo in caso di cancellazione o di ritardo alla partenza superiore a 120 minuti, oppure in caso di overbooking.

In presenza di tali circostanze, il vettore deve offrire immediatamente al passeggero la scelta tra:

  • l’essere trasportato, appena possibile, alla destinazione finale in condizioni analoghe e senza costi aggiuntivi,
  • ottenere il rimborso del prezzo del biglietto e, se ritenuto opportuno, il trasporto gratuito al punto di partenza iniziale.

Tuttavia, se il vettore non è in grado di offrire tale scelta, il passeggero può chiedere il rimborso del prezzo del biglietto, oltre a una somma pari al 50% del costo del biglietto. Tale somma deve essere corrisposta dal vettore entro 1 mese dalla richiesta.

Sempre per i servizi di trasporto di distanza pari o superiore a 250 km, se la durata del viaggio è superiore alle 3 ore, in caso di cancellazione o di ritardo alla partenza dalla stazione superiore a 90 minuti, il passeggero ha diritto gratuitamente a:

  • ricevere assistenza mediante fornitura di spuntini, pasti o bevande in funzione dei tempi di attesa, purché siano disponibili nella stazione o nell’autobus o possano essere ragionevolmente forniti;
  • alla sistemazione in albergo, o in un altro alloggio, nel caso di partenza in un giorno successivo. Il costo del pernottamento può essere limitato a 80 euro per notte e a 2 pernottamenti.

Tuttavia, non si ha diritto alla sistemazione in albergo se il ritardo è dovuto a condizioni metereologiche avverse o a gravi catastrofi naturali.

Servizi a lunga percorrenza: in cosa consiste il diritto di informazione?

Tra i diritti previsti dal Regolamento UE n. 181/2011 per i viaggiatori dei servizi con tratte pari o superiori a 250 km rientra il diritto di informazione.

Il vettore (o il gestore della stazione) è tenuto ad informare il passeggero della cancellazione o del ritardo alla partenza, quanto prima, e comunque entro e non oltre 30 minuti dopo l’orario di partenza inizialmente previsto.

Altresì, è tenuto a comunicare l’ora di partenza non appena l’informazione sia disponibile. Se il passeggero ne ha fatto richiesta e ha fornito i dati per essere contattato telematicamente, detta informazione deve essere data per via elettronica.

Quali sono i diritti in caso di ritardo all’arrivo?

Il Regolamento UE n. 181/2011 non prevede alcun indennizzo nell’ipotesi di ritardo all’arrivo.

Pertanto, se il passeggero, a causa di una cancellazione o di un ritardo di un servizio di trasporto di distanza pari o superiore a 250 km, perde un servizio di trasporto in coincidenza, il vettore o il gestore della stazione devono informarlo sui collegamenti alternativi. Tale informazione può essere fornita in via elettronica, se il viaggiatore ne ha fatto specifica richiesta, all’uopo fornendo anche i dati per essere contattato telematicamente.

Se durante il viaggio l’autobus diventa inutilizzabile, il vettore deve comunque assicurare la continuazione del servizio con un altro veicolo o il trasporto dal luogo in cui si trova l’autobus divenuto inutilizzabile a un punto di attesa e/o a una stazione da cui il viaggio può proseguire.

Il vettore ha, in ogni caso, l’obbligo di fornire informazioni adeguate sul viaggio a tutti i passeggeri, indipendentemente dalla distanza del servizio di trasporto.

Disservizi nel trasporto con l’autobus: com’è possibile il reclamo?

Se un passeggero intende presentare un reclamo al vettore o alla compagnia di viaggio per un disservizio occorso durante il trasporto in autobus, deve presentarlo entro 3 mesi dalla data in cui è stato prestato o avrebbe dovuto essere prestato il servizio.

Il vettore o la compagnia di trasporto sono tenuti:

  1. entro 1 mese dal ricevimento del reclamo, a comunicare al passeggero se il reclamo è stato accolto, rigettato o se è ancora all’esame;
  2. entro 3 mesi dal ricevimento del reclamo, a fornire una risposta definitiva.

Se la risposta fornita dal vettore/compagnia di trasporto non è soddisfacente oppure se sono trascorsi inutilmente 3 mesi dalla presentazione del reclamo, è possibile presentare reclamo all’Autorità di Regolazione dei Trasporti utilizzando:

  • il servizio disponibile alla pagina web dell’Autorità di regolazione dei trasporti che consente di inoltrare direttamente on line il reclamo e la relativa documentazione;
  • in alternativa, l’apposito modulo disponibile alla pagina web che richiede il successivo invio a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo dell’Autorità, in via Nizza 230, 10126, Torino;
  • tramite posta elettronica certificata all’indirizzo [email protected], o con posta elettronica all’indirizzo [email protected]

Se la partenza avviene da un altro Paese dell’Unione Europea, è possibile rivolgersi all’Organismo incaricato di tale Paese.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube