Business | Articoli

Brevetti: tutela contro la contraffazione. La causa

20 Luglio 2015
Brevetti: tutela contro la contraffazione. La causa

Tribunali delle imprese, sezioni specializzate in materia di marchi, brevetti, disegni e diritto d’autore: tutela cautelare d’urgenza e causa ordinaria, consulente tecnico d’ufficio e mezzi di prova contro la contraffazione.

 

La tutela di marchi e brevetti è diventata oggi un’esigenza prioritaria del commercio, complice da un lato l’allargamento del fenomeno della contraffazione, dall’altro la presa di coscienza, da parte delle aziende, dell’importanza del marketing e del branding. Peraltro l’ampliamento dei mercati, reso possibile dal commercio elettronico su internet, pone la questione dell’identità del soggetto come una delle strategie prioritarie dell’azienda.

 

Come si tutela un marchio o un brevetto?

Innanzitutto è bene sapere che le cause contro la contraffazione (sia contro marchi e brevetti, che contro il diritto d’autore) sono di competenza delle sezioni specializzate dei tribunali per le imprese: ve ne sono attualmente 21 (coincidenti con i capoluoghi di ogni regione, con la sola esclusione di Aosta, ma con l’aggiunta di Brescia a Catania) . Esse sono nate non solo per l’esigenza di prevedere una maggiore specializzazione, ma anche di provvedere a sentenze più celeri, posta la veloce obsolescenza a cui i prodotti delle aziende sono soggetti.

In ogni caso, il titolare del brevetto può ricorrere, oltre che alla causa ordinaria, anche alla procedura cautelare d’urgenza che consente – dimostrando la verosimiglianza del diritto e il grave danno in caso di ritardo nella decisione – di ottenere in tempi brevi (normalmente pochi mesi) la sentenza del Tribunale.

Con i provvedimenti di urgenza è infatti possibile, per il titolare di un brevetto o il suo licenziatario esclusivo, ottenere:

– il sequestro dei prodotti in contraffazione;

– l’inibitoria della ulteriore produzione e vendita dei medesimi nonché l’ordine di ritiro dal commercio: provvedimenti a presidio dei quali può essere prevista una penale per ogni successiva violazione o ritardo nell’esecuzione;

– la pubblicazione del provvedimento su quotidiani o riviste;

– l’acquisizione della documentazione tecnica e contabile relativa all’attività posta in essere dal contraffattore in violazione del brevetto;

– ordinare all’asserito contraffattore di fornire informazioni “sull’origine e sulle reti di distribuzione di merci” ritenute in violazione di un brevetto.

I procedimenti cautelari sono caratterizzati da una raccolta delle prove di tipo sommario e necessitano di essere confermati in una successiva causa di merito (da avviare entro termini assai ristretti), fatta salva per l’ipotesi di particolari provvedimenti, quali l’inibitoria, che il legislatore considera “stabile” e quindi non perde efficacia se non è confermato in una causa di merito.

A parte i provvedimenti di urgenza, in cui per la loro natura non è possibile ottenere il risarcimento del danno, il titolare di un brevetto può avviare un’ordinaria causa di contraffazione nei confronti del proprio concorrente.

L’elevato tecnicismo della materia porta il giudice a nominare quasi sempre un consulente tecnico d’ufficio (Ctu), vale a dire un tecnico esperto in materia brevettuale, al fine di stabilire se il brevetto – alla luce delle contestazioni del presunto contraffattore – è valido e se il prodotto del concorrente ne riproduce le caratteristiche. L’anticipo per l’onorario del Ctu deve essere corrisposto, di norma, dall’attore, ossia da colui che inizia il giudizio.

Al termine di questa fase, qualora il Ctu abbia ritenuto valido il brevetto e contraffatto ed il Tribunale ne condivida le conclusioni, la causa può proseguire per la quantificazione del danno derivato dalla contraffazione.

Un altro Ctu potrebbe essere nominato perché, valutando i ricavi e gli utili persi dal soggetto danneggiato e generati invece dal contraffattore, determini l’ammontare del risarcimento del danno.

La legge ha infine previsto anche il risarcimento del danno morale subito dal titolare del brevetto.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube