Diritto e Fisco | Articoli

Chi non mantiene il figlio nato da relazione extraconiugale commette reato

5 Agosto 2014
Chi non mantiene il figlio nato da relazione extraconiugale commette reato

Il contributo economico non si limita alle sole spese di sopravvivenza, ma deve comprendere anche spese legate ai tempi come lo sport, i viaggi, il computer.

È vero, con la riforma del diritto di famiglia non vi è più distinzione tra figli legittimi e figli naturali. Ma non è questo il punto. Chi non mantiene la prole commette in ogni caso reato, sia essa nata da un matrimonio che extraconiugale.

La Cassazione ha così scelto la linea dura per chi non rispetta gli obblighi di mantenimento in caso di figli nati da relazioni extraconiugali, imposti già solo con la paternità. Il rischio, infatti, è quello di una incriminazione penale [1].

Peraltro – sostengono i giudici in una interpretazione evolutiva del diritto fornita con una recente sentenza [2] – il cosiddetto “mantenimento” non può più ritenersi limitato ai soli viveri e generi di prima necessità ossia ai mezzi per la sopravvivenza vitale (quali il vitto e l’alloggio), ma va esteso anche agli strumenti che consentono un sia pur contenuto soddisfacimento di altre complementari esigenze della vita quotidiana, tra cui, ad esempio, l’abbigliamento, i libri di istruzione per i figli minori, i mezzi di trasporto, i mezzi di comunicazione (il computer, il cellulare, ecc.). Mezzi da valutare – come è intuitivo – in rapporto alle reali capacità economiche e al regime di vita personale del soggetto obbligato.

Con una interessante decisione il Collegio di legittimità sottolinea che il diritto al mantenimento genitoriale – stato di bisogno in sostanza presunto dalla legge – non viene meno per il semplice fatto che alla erogazione dei mezzi di sussistenza provveda già comunque l’altro genitore o un terzo (per esempio, il nonno). Infatti, per i figli minori persiste sempre l’obbligo del genitore di provvedere al loro mantenimento.

Infatti, l’obbligo di assicurare i mezzi di sussistenza ai figli di minore età grava su entrambi i genitori e permane indipendentemente dalle vicissitudini dei rapporti coniugali: se entrambi i genitori sono ancora in buoni rapporti il reato scatta lo stesso.


note

[1] Art. 570 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. n. 33026/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Salve ho fatto rincorso ad Un avvocato perché sono incinta al settimo mese di un uomo sposato che non vuole sapere niente della mia bimba, il tribunale ha detto che devo aspettare che nasce la bimba per poter andare avanti col processo,spero tanto che il papa mi dia l’assegno di maneni.ento perché non lavoro, non ho una casa e vivo a casa delle amiche, un mese qua, un mese là, ed è triste, cosa ne pensate

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube