Diritto e Fisco | Articoli

Inail: infortunio domestico fuori assicurazione

6 Agosto 2014
Inail: infortunio domestico fuori assicurazione

Mi sono tagliata un dito a casa durante l’esecuzione di lavori domestici; al pronto soccorso mi hanno detto che potevo fare la denuncia all’Inail, anche se l’infortunio non è accaduto durante l’orario di lavoro. Preciso che sono in cassa integrazione. È vero?

Nel caso prospettato l’infortunio accaduto non rientra nella tutela Inail e non può essere considerato come infortunio sul lavoro. In base alla legge [1], affinché un infortunio possa essere qualificato come “infortunio sul lavoro“, devono sussistere almeno tre requisiti essenziali, e la mancanza di anche uno solo di essi comporta l’impossibilità di riconoscere l’evento come infortunio sul lavoro. Gli elementi sono:

1. la causa violenta,

2. l’occasione di lavoro,

3. l’inabilità.

In particolare, per quanto concerne l’occasione di lavoro, l’azione del lavoratore che ha provocato l’infortunio dev’essere strettamente collegata con l’attività lavorativa, diretta al conseguimento dei fini aziendali, e non può in alcun modo essere legata al conseguimento di un fine personale, estraneo a qualsiasi esigenza o finalità lavorativa. In pratica, è necessario che l’infortunio si sia verificato “per il lavoro”.

Nel caso specifico, invece, l’infortunio è avvenuto in casa, mentre si stavano svolgendo lavori domestici. Tale circostanza esclude la possibilità di riconoscere l’evento come infortunio sul lavoro. Il datore di lavoro, pertanto, non è obbligato a presentare all’Inail la denuncia di infortunio.

In questi casi, qualora l’eventuale certificato medico di ricovero, redatto al Pronto soccorso, dovesse pervenire all’Inail, quest’ultimo, dopo la rituale istruttoria, lo trasmetterà all’Inps, trattandosi non di infortunio, ma di malattia comune. Sarà poi l’Inps a trattare il caso secondo le norme che regolano la materia per i lavoratori collocati in Cassa integrazione guadagni ordinaria.


note

[1] Art. 2 del T.U. approvato con il Dpr 1124/1965.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube