Diritto e Fisco | Articoli

Si possono saltare anni di scuola?

11 Giugno 2022 | Autore:
Si possono saltare anni di scuola?

È possibile iscriversi anticipatamente alla scuola dell’infanzia e a quella primaria nonché sostenere un anno prima gli esami conclusivi dei cicli scolastici.

In Italia, sono frequenti i casi di alunni particolarmente brillanti che potrebbero tranquillamente anticipare ed abbreviare il loro percorso di studi. Tali situazioni si riscontrano sia nelle scuole primarie sia in quelle secondarie di primo e di secondo grado. In ambito internazionale, gli alunni più piccoli pluridotati, cioè che presentano un alto potenziale intellettivo, vengono definiti “gifted children“. Molte istituzioni scolastiche considerano tali studenti nell’ambito dei bisogni educativi speciali (Bes) e, di conseguenza, attivano metodologie didattiche specifiche oltre a predisporre un percorso ad hoc, formalizzato in un piano didattico personalizzato (Pdp). Ma, in generale, se gli alunni più volenterosi volessero accorciare i tempi, potrebbero saltare gli anni di scuola?

La risposta alla domanda è affermativa, nel senso che si possono saltare anni di scuola ma solo per una volta nell’arco della vita di uno studente. Ad esempio, un bambino se iscritto alla classe quarta della scuola primaria potrebbe ritirarsi entro il 15 marzo e sostenere a giugno l’esame di quarta e di quinta per iscriversi l’anno successivo direttamente in prima media. Allo stesso modo, uno studente iscritto al quarto anno della scuola secondaria di secondo grado (scuola superiore) potrebbe sostenere in anticipo gli esami di maturità.

I bambini possono anche essere ammessi anticipatamente alla scuola dell’infanzia e a quella primaria. Nella scuola primaria e nell’ambito della preparazione parentale, è possibile anche anticipare il percorso scolastico di un anno mediante un apposito esame di idoneità che consente il passaggio diretto alla seconda elementare senza frequentare la prima classe.

Quali anticipi di ammissione alla scuola sono consentiti?

Il Regolamento di riordino del primo ciclo di istruzione e della scuola dell’infanzia [1] ha previsto che, a decorrere dall’anno scolastico 2009/2010, possono iscriversi alla scuola dell’infanzia i bambini che compiono tre anni di età entro il 30 aprile dell’anno scolastico di riferimento.

Per la scuola primaria esiste una analoga possibilità di iscrizione anticipata per coloro che compiono sei anni di età entro il 30 aprile dell’anno scolastico di riferimento [2].

È possibile, altresì, anticipare il percorso scolastico di un anno mediante un apposito esame di idoneità che consente il passaggio diretto al secondo anno di corso, senza frequentare la prima classe. Tale possibilità non è consentita a chi si avvale dell’anticipo di iscrizione alla scuola primaria.

Quando si può anticipare l’ammissione alla scuola dell’infanzia?

Nella scuola dell’infanzia l’anticipo di iscrizione è consentito purché vengano rispettate determinate condizioni:

  • disponibilità dei posti;
  • accertamento dell’avvenuto esaurimento di eventuali liste di attesa;
  • disponibilità di locali e dotazioni idonei sotto il profilo dell’agibilità e funzionalità, tali da rispondere alle diverse esigenze dei bambini di età inferiore a tre anni;
  • valutazione pedagogica e didattica, da parte del collegio dei docenti, dei tempi e delle modalità dell’accoglienza.

Oltre all’anticipo devono essere attivati particolari servizi educativi per bambini di età compresa tra i due e i tre anni, denominate sezioni primavera.

Anticipi di ammissione alla scuola primaria: come fare?

I bambini che compiono sei anni di età entro il 30 aprile dell’anno scolastico di riferimento possono anticipare l’iscrizione alla scuola primaria.

Per l’ammissione anticipata è richiesta la presentazione di un’apposita domanda da parte della famiglia al momento delle iscrizioni.

L’istanza deve essere accolta dalla scuola, subordinatamente alla disponibilità dei posti e ai criteri di precedenza deliberati dal consiglio di istituto.

Salto del primo anno di scuola primaria: è possibile?

Le famiglie possono iscrivere i bambini al secondo anno di scuola primaria in anticipo, previo superamento di un esame di idoneità. In tal modo, i bambini che si iscrivono in prima passano direttamente alla seconda classe, dopo il superamento dell’esame di idoneità.

Tale possibilità è consentita soltanto agli alunni che non si avvalgono dell’anticipo di iscrizione alla classe prima.

Come saltare il quarto anno di scuola superiore?

La legge [4] consente agli alunni del quarto anno di scuola superiore di sostenere in anticipo gli esami di maturità, però, a determinate condizioni.

Innanzitutto, gli studenti devono presentare domanda entro il 31 gennaio dell’anno in cui ricade il quarto anno di studi e devono avere:

  1. riportato nello scrutinio finale della penultima classe, non meno di otto decimi in ciascuna disciplina e non meno di otto decimi nel comportamento;
  2. seguito un regolare corso di studi di istruzione secondaria di secondo grado;
  3. riportato una valutazione non inferiore a sette decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline e non inferiore a otto decimi nel comportamento negli scrutini dei due anni antecedenti il penultimo, senza essere incorsi in ripetenze nei due anni predetti.

Le discipline in questione non comprendono l’insegnamento della religione cattolica.

Inoltre, gli alunni non devono essere incorsi nella sanzione disciplinare della non ammissione all’esame di Stato [5].

L’abbreviazione per merito non è consentita nei corsi sperimentali quadriennali in considerazione ovviamente della peculiarità dei corsi medesimi.

L’ammissione diretta dal quarto anno all’esame di Stato non esclude assolutamente l’esecuzione del programma del quinto anno, che l’alunno richiedente il salto deve preparare in autonomia.


note

[1] D.P.R. n. 89/2009.

[2] D. Lgs. n. 59/2004.

[3] D.M. n. 4/2009.

[4] Art. 6 D.P.R. n. 122/2009.

[5] D.P.R. n. 249/1998 così come modificato dal D.P.R. n. 235/2007.




Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube