Diritto e Fisco | Articoli

Chi sono gli affini di terzo grado

11 Giugno 2022 | Autore:
Chi sono gli affini di terzo grado

Qual è la differenza tra affinità e parentela? Cosa sono la linea retta e la linea collaterale? Come si calcolano i gradi dei parenti e degli affini?

«I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più fanno male»: così suona una nota battuta di Totò. Al di là dei rapporti, più o meno buoni, che si possono avere con i familiari, per la legge parenti e affini sono importanti per determinare obblighi e divieti. Ad esempio, per legge, a meno che non si ottiene la dispensa del tribunale, gli affini entro un certo grado non possono sposarsi tra loro. Il divieto riguarda anche i cognati, che sono affini di secondo grado. Chi sono gli affini di terzo grado?

Per rispondere a questa domanda occorre spiegare brevemente cos’è l’affinità e qual è la sua differenza con la parentela; poi, bisogna imparare a calcolare i gradi della parentela, da cui si desumono anche quelli degli affini. Se l’argomento ti interessa, prosegui nella lettura: vedremo insieme chi sono gli affini di terzo grado.

Chi sono i parenti?

I parenti sono tutte le persone unite da un vincolo di sangue e che, pertanto, discendono da un avo comune.

Ad esempio, sono parenti padre e figlio, nonno e nipote, fratelli e cugini. Non sono ovviamente parenti marito e moglie: se lo fossero, non si potrebbero sposare (almeno entro un certo grado).

Chi sono gli affini?

Gli affini sono i parenti del coniuge. Sono affini suocero e nuora, genero e suocera. Senza matrimonio non può dunque aversi alcuna affinità.

Parentela e affinità: differenza

La differenza tra parentela e affinità è chiara: la parentela presuppone la consanguineità, cioè il vincolo di sangue, derivante dal fatto che tutti i parenti discendono, in maniera prossima o lontana, da uno “stipite” comune, cioè da un antenato che li unisce.

Parenti in linea retta: chi sono?

I parenti in linea retta sono le persone che discendono le une dalle altre. Ad esempio, sono parenti in linea retta padre e figlio, nonno e nipote.

Parenti in linea collaterale: chi sono?

I parenti in linea collaterale sono quelli che, pur avendo un avo comune, non discendono gli uni dagli altri. È il caso dei fratelli o dei cugini, i quali condividono i genitori oppure i nonni, ma non sono figli gli uni degli altri.

Gradi di parentela: come si calcolano?

Non tutti i parenti sono uguali: ci sono quelli prossimi e quelli lontani. Il grado di parentela indica proprio la “vicinanza” tra i parenti, l’”intensità” del vincolo di sangue.

I gradi si calcolano contando tutte le generazioni che separano i parenti gli uni dagli altri, escludendo poi lo stipite comune, cioè l’avo da cui tutti discendono.

Ad esempio, padre e figlio sono parenti in linea retta di primo grado perché le generazioni sono solo due, ma va esclusa quella dello stipite, che in questo caso è il padre.

Nonno e nipote sono parenti in linea retta di secondo grado perché le generazioni sono tre (nonno, padre, figlio) meno quella dell’avo (il nonno).

Anche i fratelli sono parenti di secondo grado, ma in linea collaterale, in quanto non discendono l’uno dall’altro. In questo caso, le generazioni sono tre (fratello – padre – fratello), a cui va sottratta quella dello stipite (cioè, del padre).

Gradi di affinità: come si calcolano?

Gli affini assumono lo stesso grado che ha il coniuge nei confronti dei suoi parenti. In estrema pratica, ciò significa che suocero e nuora sono affini in linea retta di primo grado perché il suocero è il padre del marito (parentela di primo grado).

Insomma: nella linea e nel grado in cui un soggetto è parente di uno dei coniugi, egli è affine dell’altro coniuge.

Se la mamma è parente di primo grado della figlia, sarà affine di primo grado del marito della figlia; se il fratello è parente in linea collaterale di secondo grado della moglie, sarà affine in linea collaterale di secondo grado del marito.

Affini di terzo grado: chi sono?

Sono affini di terzo grado:

  • in linea retta, i bisnonni del coniuge;
  • in linea collaterale, gli zii e i nipoti (figli del fratello) del coniuge.

Ciò perché:

  • i bisnonni sono parenti di terzo grado in linea retta (bisnonno – nonno – padre – figlio, scartando sempre lo stipite, cioè il bisnonno);
  • gli zii, cioè i fratelli del padre, sono parenti di terzo grado in linea collaterale;
  • i nipoti, cioè i figli del fratello, sono ugualmente parenti di terzo grado in linea collaterale.

Per comprendere meglio il calcolo, si veda il seguente schema.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube