Diritto e Fisco | Articoli

Non impugnabile la delibera del condominio che non approva un punto dell’odg

8 Agosto 2014
Non impugnabile la delibera del condominio che non approva un punto dell’odg

Il giudice non può sindacare nel merito le delibere condominiali a contenuto negativo: impugnazione possibile solo se la decisione è contraria alla legge o al regolamento.

Impossibile impugnare, davanti al tribunale, le delibere del condominio che abbiano contenuto negativo, ossia quelle che non approvano uno o più punti dell’ordine del giorno. In tali casi, infatti, l’autorità giudiziaria non può entrare nel merito delle scelte dei condomini, salvo che tali decisioni siano contrarie alla legge o al regolamento di condominio.

Il controllo del giudice, quindi, conosce un paletto invalicabile: esso non può spingersi fino al controllo del potere discrezionale dell’assemblea, essendo quest’ultima l’organo sovrano della volontà dei condomini.

Lo ha detto il tribunale di Genova con una recente sentenza [1].

La vicenda

Il tribunale ha respinto il ricorso presentato da alcuni inquilini che chiedevano l’annullamento di una delibera condominiale relativa alla ripartizione di alcune spese per non aver la stessa approvato dette spese in quanto non era stato raggiunto il quorum necessario.

In questo contesto – ha proseguito il tribunale – l’esame riservato al giudice è particolarmente limitato. Infatti le delibere dell’assemblea aventi contenuto negativo (cioè che non trovano un accordo su determinati punti messi al voto) sono impugnabili solo se contrarie alla legge o al regolamento condominiale, ma il sindacato dell’autorità giudiziaria non può estendersi finanche al merito delle decisioni, non potendo egli entrare nelle ragioni delle scelte adottate dai condomini.


note

[1] Trib. Genova, sent. n. 1810/14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube