Diritto e Fisco | Articoli

Sul modello CID indicare i nomi di tutti i danneggiati

16 Agosto 2014
Sul modello CID indicare i nomi di tutti i danneggiati

Dopo l’incidente constatare sempre tutto, altrimenti si perde il diritto al risarcimento.

Dopo un tamponamento stradale, ricordatevi di scrivere e descrivere tutta la dinamica e i danni sulla constatazione amichevole (quella che, in gergo tecnico, si chiama Modello Cid). Diversamente, si potrebbe perdere il diritto al risarcimento.

Così, per esempio, se a causa del sinistro ha subito lesioni anche un soggetto che si trovava trasportato su una delle auto coinvolte, il nome di questi non può spuntare, dalla sera alla mattina, in un momento successivo, ma deve essere indicato nel modello di constatazione amichevole, perché altrimenti l’assicurazione potrebbe ben rifiutare il risarcimento al terzo.

Lo ha detto il giudice di Pace di Perugia in una recente sentenza [1].

Cosa prevede la legge

Il Codice delle assicurazioni [2] stabilisce, in caso di Modulo Cid sottoscritto da tutte le parti coinvolte nell’incidente, che tale documento fa fede in caso di contestazioni.

Più specificamente, la constatazione amichevole acquista valore di prova legale solo quando è sottoscritta da entrambe le parti, salvo prova contraria da parte dell’assicurazione:  in pratica, il giudice deve ritenere veri i fatti in essa contenuti, fermo restando che il documento non vincola la Compagnia, la quale può sempre dimostrare che i fatti sono andati in modo diverso da quanto riportato nel CID.

Per questi motivi, chi subisce un incidente deve compilare il modello in ogni sua parte, indicando anche i passeggeri e le eventuali lesioni e facendolo sottoscrivere anche da chi ha provocato l’incidente.


note

[1] Gdp Perugia del 6.06.2012.

[2] Art. 143 Cod. Assicurazioni


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube