Diritto e Fisco | Articoli

La giusta distanza del segnale di autovelox

15 Agosto 2014
La giusta distanza del segnale di autovelox

In tema di autovelox e di distanza del segnale di preavviso, a quale riferimento normativo è corretto fare riferimento?

Il codice della strada [1] stabilisce che le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità siano

1. preventivamente segnalate

2. e ben visibili.

Il rispetto delle esigenze di informazione dell’utenza, allo scopo di fornire la massima trasparenza all’attività di prevenzione realizzata con l’impiego di apparecchiature di controllo della velocità, deve essere garantito mediante l’uso di segnali o di dispositivi di segnalazione luminosa, le cui caratteristiche e le modalità di impiego sono state stabilite con decreto adottato dal ministro dei Trasporti, di concerto con il ministro dell’ Interno, in data 15 agosto 2007.

Tale decreto non fissa una distanza minima tra il segnale stradale di preavviso e la postazione di controllo a cui si riferisce, ma stabilisce che tale distanza deve essere “adeguata”, in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale predominante.

Nelle istruzioni operative allegate alla direttiva del ministro dell’ Interno, del 14 agosto 2009, per le attività di prevenzione del fenomeno infortunistico stradale mediante il controllo dei limiti di velocità, si legge che, salvo casi particolari in cui l’andamento plano altimetrico della strada o altre circostanze contingenti rendono consigliabile collocarlo ad una distanza maggiore, possa considerarsi adeguata la distanza minima indicata, per ciascun tipo di strada, dal regolamento di esecuzione del codice della strada per la collocazione dei segnali di prescrizione [2].

Tale distanza minima, infatti, si è ritenuta idonea a garantire il corretto avvistamento del segnale o del dispositivo luminoso da parte degli utenti in transito. Fermo restando che la circolare ministeriale fornisce un’interpretazione della normativa vigente, si ritiene non possa comunque richiamarsi l’articolo 127 del regolamento di esecuzione del Cds, concernente i segnali di preavviso, in quanto tale disposizione non reca alcun riferimento alle distanze minime di avvistamento per tali segnali che, peraltro, sono solo di due tipologie ovvero i preavvisi di intersezione ed i segnali di preselezione.

Per maggiore approfondimento leggi: “Multe e autovelox: la guida“.


note

[1] Art. 142 cod. str.

[2] Art. 79, comma 3, del regolamento di esecuzione del cod. str.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube