Diritto e Fisco | Articoli

Ordine alla banca di non pagare l’assegno: rischio protesto

15 Agosto 2014
Ordine alla banca di non pagare l’assegno: rischio protesto

Assegno bancario, ordine del traente di non pagare il titolo e pericolo di protesto.

Attenti a dare ordine alla propria banca di non pagare un assegno già emesso. Il rischio, infatti, è di venire protestati. E ciò anche se si ritiene che il prenditore del titolo (il soggetto, cioè, a cui è stato consegnato) non abbia più ragioni di credito nei confronti del traente (colui, cioè, che ha emesso l’assegno).

A dirlo è una recente sentenza della Cassazione [1].

A detta dei Supremi Giudici, il traente che, dopo aver emesso il titolo, ordini alla propria banca di non pagarlo più si assume il rischio del protesto. Inoltre, se provvede a ritirare tutti i soldi dal conto o lo estingua del tutto è anche soggetto a una sanzione amministrativa [2].

Tale comportamento non può essere giustificato neanche dall’intento di prevenire il rischio dell’inadempimento della controparte (si pensi, per esempio, al committente che abbia dato a una ditta un anticipo per effettuare dei lavori e quest’ultima, invece, non vi abbia mai provveduto).

Inutile anche la scorciatoia di denunciare lo smarrimento del titolo. Infatti, in tali casi, il rischio è quello di una controquerela per calunnia (a riguardo leggi “Falsa denuncia di smarrimento dell’assegno per non pagare il creditore: scatta la calunnia”).


note

[1] Cass. sent. n. 23077 del 10.10.2013.

[2] Ex art. 2 L. n. 386 del 1990 (Cass. sent. n. 29841/2011).

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube