Diritto e Fisco | Articoli

Cosa rischio se non rispetto la direzione obbligatoria?

5 Febbraio 2022
Cosa rischio se non rispetto la direzione obbligatoria?

Ho effettuato una svolta senza rispettare il cartello di direzione obbligatoria. Cosa rischio?

La violazione dei comportamenti indicati dalla segnaletica stradale, come quella descritta nel suo quesito, è sanzionata dall’articolo 146, comma 2, del Codice della Strada.

Questa norma stabilisce che chiunque non osserva i comportamenti indicati dalla segnaletica stradale o nelle relative norme di regolamento, ovvero dagli agenti del traffico, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 42 a € 173.

Inoltre, in base alla tabella punteggi, dalla violazione dell’articolo 146, comma 2, del Codice della Strada deriva la decurtazione dalla patente di 2 punti.

Occorre inoltre ed infine evidenziare che:

  • se la violazione non è stata immediatamente contestata, il verbale deve essere notificato al proprietario del veicolo entro il termine di giorni novanta dalla data in cui l’infrazione è stata commessa (per il rispetto del termine è sufficiente che il comando accertatore consegni all’ufficio postale la raccomandata contenente il verbale entro il novantesimo giorno successivo alla violazione mentre non è invece necessario che il verbale giunga a destinazione entro il novantesimo giorno);
  • ai fini della decurtazione dei due punti dalla patente, insieme al verbale verrà notificato un modulo da compilare (e da restituire al comando accertatore) indicando i dati identificativi e della patente di chi conduceva il veicolo alla data e nel luogo della violazione: i punti patente saranno decurtati alla persona che verrà indicata nel predetto modulo;
  • se il modulo non verrà restituito al comando accertatore debitamente compilato entro il termine indicato, verrà inflitta un’ulteriore sanzione pecuniaria compresa tra € 291 ed € 1.166 (ma i punti non saranno decurtati a nessuno).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. In realtà per la fattispecie posta nel quesito è più corretta la sanzione prevista dall’art. 7 c. 1 a) e c. 14 [art. 6 c. 4 b) e c. 14 se al di fuori dei centri abitati] : in centro abitato non rispettava l’obbligo imposto dalla segnaletica verticale (fig. II 80/a, b, c) di proseguire dritto, ovvero di svoltare a destra (o sinistra).
    La sanzione è sì di 42 euro, ma senza la perdita di punti.
    L’art. 146 citato nell’articolo si riferisce esclusivamente alla segnaletica stradale orizzontale (art. 40 CDS), segnaletica semaforica (art. 41 CDS) e segnalazioni degli agenti del traffico (art. 43 CDS). Mentre la segnaletica apposta dall’ente proprietario o su ordinanza del Sindaco ai sensi dell’ art. 6 e 7 è sanzionata come sopra riportato.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube