Diritto e Fisco | Articoli

Agenzia delle Entrate Riscossione: può iscrivere ipoteca sulla prima casa?

12 Febbraio 2022
Agenzia delle Entrate Riscossione: può iscrivere ipoteca sulla prima casa?

L’immobile è prima casa, per marito unico immobile, su cui grava un’ipoteca della banca (mutuo). Attualmente, AER ha pignorato la pensione del marito e iscritto ipoteca sulla prima casa. È legale l’ipoteca dall’Agenzia delle Entrate Riscossione visto che già esiste un pignoramento conto terzi per tutto il debito? Se è possibile una trattativa con la banca, in caso di accordo, cade l’ipoteca dell’AER?

L’ipoteca legale iscritta dall’Agenzia delle Entrate Riscossione è legittima, pur in presenza di un pignoramento presso terzi, in quanto misura cautelare volta a garantire il pagamento del debito e cancellabile soltanto a seguito dell’estinzione integrale di quest’ultimo.

Ad ogni modo, nonostante l’ipoteca sia legittima sulla prima casa del contribuente per debiti superiori a ventimila euro (come nel caso di specie), l’Agenzia delle Entrate Riscossione non potrà procedere con il pignoramento immobiliare. Più precisamente, se la prima casa rappresenta anche l’unico immobile del debitore medesimo, non è di lusso (categorie catastali A/8 e A/9), è destinata ad uso abitativo ed in essa il contribuente vi ha fissato la propria residenza, all’ipoteca non può seguire il pignoramento.

Diversamente, la banca, in virtù del mutuo ipotecario, può procedere con il pignoramento immobiliare, nonostante si tratti di prima casa. La presenza o meno dell’ipoteca della banca è molto rilevante, in quanto, in base all’ordine e al grado di iscrizione, si stabilisce l’ordine di soddisfazione dei creditori.

L’eventuale accordo con la banca, finalizzato all’estinzione a saldo e stralcio del debito o ad un piano di rientro, non incide sull’ipoteca dell’Agenzia delle Entrate Riscossione in quanto misura posta esclusivamente a garanzia del credito dell’AER.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Maria Monteleone



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube