Diritto e Fisco | Articoli

Falsari: qual è la banconota e la moneta più contraffatta?

18 Agosto 2014
Falsari: qual è la banconota e la moneta più contraffatta?

Sette miliardi di soldi falsi: ecco a quali banconote e monete stare attenti.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Ucamp (l’Ufficio centrale antifrode dei mezzi di pagamento) nel 2011 nel nostro Paese sono state riconosciute banconote e monete false per un valore di circa 7 miliardi di euro.

In linea con i dati pervenuti anche da altri Stati europei, il taglio che è andato per la maggiore tra i falsari è stato quello da 20 euro: ben il 56% delle oltre 83 mila banconote contraffatte sottoposte all’esame di Bankitalia era infatti composto da biglietti da 20 euro.

Sul fronte delle monete, invece, la più replicata è stata quella da 1 euro. Una curiosità: tra le imitazioni, la Zecca dello Stato ha beccato anche alcune centinaia di pezzi da 20 centesimi.

Contrariamente a quello che può essere spontaneo pensare, solamente una minima parte dei soldi contraffatti è stata segnalata dalla Guardia di Finanza o dalla Polizia.

La stragrande maggioranza delle segnalazioni è arrivata dalle banche e dalle agenzie che si occupano della custodia e del trasporto del denaro.

Per quando riguarda la dislocazione geografica dei soldi contraffatti, la classifica è guidata dalla Lombardia, seguita a distanza da Veneto, Lazio, Sicilia e Toscana.

Monete da 1 euro e banconote da 20 euro passano sotto le nostre mani quotidianamente: al rischio di vedersi rifiutato il pagamento c’è anche quello di dover – nel rispetto della legge – strappare la banconota o di consegnarla alle autorità. Attenzione quindi a “riciclare” il tentativo di pagamento presso un altro negozio, onde evitare di doverci rimettere.

Per chi, invece, vuol prevenire il problema, ecco tre trucchi per riconoscere le banconote false.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube