Diritto e Fisco | Articoli

Acquisto casa: tutti i doveri del notaio

18 Agosto 2014
Acquisto casa: tutti i doveri del notaio

L’eventuale ipoteca va sempre segnalata al compratore.

In caso di compravendita di casa, il lavoro del notaio consiste anche nel fare i controlli catastali. E non ci sono scuse: se salta fuori che l’abitazione è gravata da un’ipoteca non segnalata all’acquirente, il notaio deve risarcire il danno.

Secondo una sentenza della Cassazione [1], il professionista ha l’obbligo di accertare la presenza di pesi e pregiudizi che possano impedire il trasferimento della proprietà, salvo che i controlli da eseguire sull’immobile siano di particolare difficoltà tecnica e che, quindi, richiedano un’apposita perizia (da effettuare a cura e onere del venditore e compratore).

Non c’è quindi dubbio: il notaio è pienamente responsabile quando non esegue i controlli sullo stato dell’immobile da vendere.

Stando al Codice civile, quando un professionista deve affrontare problemi tecnici di particolare difficoltà, se sbaglia, la sua responsabilità viene valutata con minore severità: in casi come questi può venire considerato responsabile del danno solo se agisce con dolo o con colpa grave.

Per essere scusato dell’errore commesso, però, la questione trattata dal notaio deve riguardare problemi tecnici nuovi e di speciale complessità.

Detto ciò, per non trovarsi nella situazione di dover chiedere un risarcimento davanti al Tribunale, consigliamo, a chiunque deve comprare casa, di valutare bene il professionista a cui si affidano i controlli.

Prima di conferirgli l’incarico, sarà utile fare al notaio qualche domanda, non solo (ovviamente) sul costo della prestazione, ma anche sui controlli che intende fare.

Meglio cambiare notaio, se il professionista appare superficiale o frettoloso.

Un’ulteriore ma importante precauzione consiste nel mettere per iscritto la richiesta che si fa al professionista di verificare la situazione dell’immobile.

Infine, prima di impegnarsi nell’acquisto, è utile chiarire con il venditore quali sono esattamente le condizioni in cui si trova l’immobile. Non sempre il venditore tace i problemi in malafede: può accadere che le informazioni non arrivino all’acquirente perché gli intermediari (agenzie immobiliari o altri professionisti) non forniscono tutte le informazioni di cui sono a conoscenza.

Cambiano le regole

Ricordate che oggi le norme sono cambiate. Nel momento in cui si acquista un immobile, il prezzo non va più pagato al venditore, ma versato al notaio in un conto dedicato il quale, poi, a sua volta, gira l’importo a chi ne ha diritto. Per un approfondimento su questo importante aspetto leggi: “Vendite di immobili: il prezzo ora si versa sul conto dedicato del notaio”.


note

[1] Cass. sent. n. 22398 del 27.10.2011.

Autore immagine: 123rf com


1 Commento

  1. Salve,

    un quesito inerente un punto dell’articolo: “Un’ulteriore ma importante precauzione consiste nel mettere per iscritto la richiesta che si fa al professionista di verificare la situazione dell’immobile.”. Con quale modalità? Raccomandata? O basta presentare un documento scritto in cui si richiede al notaio di verificare la situazione dell’immobile?
    Grazie.
    Un saluto,
    Roberta

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube