Diritto e Fisco | Articoli

Moglie fedifraga: lecito spiarla?

10 Febbraio 2012
Moglie fedifraga: lecito spiarla?

Il marito che spia  la moglie e le controlla le telefonate per scoprire se lo tradisce, viene sanzionato per lesione della privacy.

Non si può spiare la propria moglie anche solo per cercare prove di un suo tradimento. Lo ha deciso la Cassazione [1] nei confronti di un marito che aveva ecceduto nelle sue “investigazioni”.

Per i giudici il comportamento morboso del partner lede la privacy del coniuge spiato e, pertanto, va punito.

Lo stesso vale per il marito geloso che registra le telefonate della moglie onde scoprire eventuali relazioni extra-coniugali [2].

Ad essere responsabile per lesione della privacy, in tali casi, non è solo chi ingaggia l’investigatore, ma anche l’agente segreto.

Così marito e investigatore che avevano installato nell’automobile della sospetta fedifraga microspie e telecamere “atte a violare la privacy” sono stati ritenuti entrambi responsabili dal tribunale [3].

di LUIGI GARGANO

 


[1] Cass., sent. n. 37765 del 16 novembre 2006.

[2] Cass., sent. n. 12698 del 2003

[3] Art. 134 R.D. n. 733 del 18 giugno 1931 e successive modifiche, c.d. Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.





Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. quando la legge difende il reato non è legge. una moglie non può appellarsi alla privacy perchè se ne ha una la di fuori della famiglia è già fedifraga.

  2. Caro Antonino, il “problema” è che prima ancora dei diritti e doveri del matrimonio il nostro ordinamento affida a tutti i soggetti (single o sposati) un pacchetto di diritti incomprimibili, attraverso la Costituzione, e fra questi c’è anche il diritto alla riservatezza (si possono leggere agli articoli 13 comma 1, 14, 15 e 16 della Costituzione). Grazie per il commento e per aver letto gli articoli di Laleggepertutti!

  3. Egregi Signori,
    si consideri che la violazione non è solo per la privacy del coniuge, ma anche di tutte quelle persone che interagiscono con lo stesso e delle quali si parla.
    Se non erro infatti, tutte le persone che parleranno con il coniuge, o quelle di cui si racconterà nelle conversazioni, nulla devono render conto al coniuge verosimilmente tradito.
    Cordiali saluti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube