Diritto e Fisco | Articoli

Assegnazione casa familiare mai “a vita”: la moglie prima o poi deve sloggiare

21 Agosto 2014
Assegnazione casa familiare mai “a vita”: la moglie prima o poi deve sloggiare

Stop al parassitismo se i figli raggiungono età da lavoro e restano inerti e disoccupati.

  

Di norma, la casa coniugale viene assegnata a chi dei due ex coniugi è anche affidatario dei figli (in genere la mamma). Ma ciò non significa che tale assegnazione duri in eterno. Difatti, l’abitazione va restituita al legittimo proprietario non affidatario quando la prole raggiunge una propria autonomia economica o quando il genitore affidatario va a vivere, con i figli, altrove.

Ma, una importate sentenza di ieri della Cassazione [1] ha indicato un’altra ipotesi. Se i figli, benché “cresciutelli”, perseverano in un totale “parassitismo” ai danni del genitore, senza darsi pena di trovare un lavoro, allora, anche in questo caso, loro ed il canuto genitore affidatario devono lasciare la casa coniugale.

Esiste una soglia di età – dice la Suprema Corte – superata la quale deve ritenersi concluso ogni percorso formativo e, pertanto, la persistenza dei figli in casa dei genitori rivela un volersi approfittare delle cure altrui. Anzi, raggiunta la maturità, dovrebbero essere proprio i figli a mantenere mamma e papà, in ossequio a un generale dovere solidaristico all’interno della famiglia.

 

Il padre, dunque, ha tutto il diritto di chiedere indietro la casa coniugale concessa alla ex moglie affidataria dei figli, se questi hanno ormai da tempo superato la quarantina.

Nessuna attenuante per i figli bamboccioni

È vero che, nel regolare regime dell’onere della prova, deve essere colui che chiede la restituzione dell’immobile (il padre) a dover dimostrare l’inerzia dei figli nella ricerca di un posto di lavoro e del raggiungimento dell’indipendenza economica. Ma è anche vero – sottolineano i giudici – che raggiunta l’età degli “…anta”, questa inerzia è già dimostrata dai fatti stessi. In pratica, basta la semplice indicazione dell’età anagrafica per provare che – nonostante i tempi di crisi e le difficoltà occupazionali – non si è fatto un granché per trovare un’occupazione.

In questi casi la richiesta di un prolungamento del diritto al mantenimento non può trovare tutela nei tribunali. Per i giudici, la pretesa di restare nella casa paterna basata sull’unico argomento della disoccupazione non va accolta dopo i quaranta.

Complice la crisi, la giurisprudenza sta rivedendo le proprie posizioni oltranziste a tutela della donna. Già questo inverno una sentenza della Corte di Appello di Catania aveva gettato un’accusa forte nei confronti della “generazione Neet”: i figli che rifiutano il posto nel call center possono perdere il mantenimento, avevano detto i giudici siciliani. Ed ancora, la stessa Cassazione aveva chiarito che al figlio adulto senza lavoro non spetta più l’assegno di mantenimento; stessa sorte per il figlio ultratrentenne che non viglia lavorare nell’azienda di famiglia.


note

[1] Cass. sent. n. 18076 del 20.08.2014.

Autore immagine: 123rf com


3 Commenti

  1. ok, quindi quando avrò 85 anni potrò chiedere indietro la casa..

    …ma la si finirà mai di trattare i mariti come persone da depredare, e al massimo concedere elemosine?

    Io mi chiedo come faccia n avvocato a scrivere cose di questo genere come se fosse chissà quale vantaggio.

    Scioglimento immediato della comunione dei beni, ognuno per sé con quello che aveva. Vedi come calano le richieste di separazioni da parte delle mogli!

    Ah ma forse agli avvocati non fa molto comodo…

  2. Chi mi può aiutare a questa domanda,sono divorziato dal 1999 con la sentenza del Giudice devo dare a mia figlia 310,00 euro al mese da circa 5 mesi non riesco a dare il mantenimento a mia figlia oggi 21enne la madre mi ha minacciato di farmi pignorare il 5° dello stipendio ma visto che mia figlia dalla morte dei nonni materni ha ereditato 1 appartamento e una modica somma di circa 90 mila euro vorrei anche aggiungere ho cercato e aiutata a trovare lavoro ma con risposta negativa.

  3. Tutto cambia per non cambiare.
    La giustizia italiana non ha ragione di comprensione
    Per quello che si vede, che si legge e che accade realmente.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube