Diritto e Fisco | Articoli

Il negoziante risarcisce il cliente caduto sul gradino

22 Agosto 2014
Il negoziante risarcisce il cliente caduto sul gradino

Danno biologico e morale da indennizzare all’infortunato caduto sull’uscio del negozio.

 

Se il cliente, nell’entrare o uscire dal negozio, cade su uno dei gradini già “pericolanti” di pertinenza dell’esercizio commerciale, va risarcito. E il risarcimento spetta proprio al negoziante, tenuto così a indennizzare, oltre all’inabilità temporanea (assoluta e parziale) anche il danno morale quanto quello biologico: una cifra non da poco, specie per chi non è assicurato.

La precisazione è arrivata ieri dalla Cassazione [1].

È questa la logica conseguenza della responsabilità oggettiva per cose in custodia che spetta a chi ne sia detentore [2]: in pratica, anche senza la necessità di dover rintracciare profili di colpa o dolo, chi è “guardiano” di una cosa inanimata (come un gradino, una pavimentazione sconnessa, ma anche un oggetto che cade accidentalmente da uno scaffale, ecc.) deve risarcire tutti i danni che tale cosa provoca a terzi. L’unica possibilità per evitare la responsabilità è dimostrare che l’evento si è verificato per “caso fortuito” (imprevedibile e inevitabile), circostanza che – evidentemente – non ricorre nel caso di un gradino da tempo rotto.

Il merito della sentenza in commento è nell’aver chiarito che la misura del risarcimento non può limitarsi solo all’inabilità (ossia ai giorni in cui l’infortunato è rimasto totalmente o parzialmente incapace di deambulare e/o di attendere alle proprie funzioni di vita quotidiana), ma va esteso anche al danno morale e biologico.


note

[1] Cass. ord. n. 18101 del 21.08.2014.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube