Diritto e Fisco | Articoli

Locazione: a chi spetta bonifica amianto?

26 Febbraio 2022
Locazione: a chi spetta bonifica amianto?
Ho affittato ad una concessionaria auto un capannone commerciale. La copertura attuale è in lastre di alluminio che ricoprono dell’amianto. Nel gennaio del 2020, a seguito di un sopralluogo, un tecnico abilitato ha redatto la valutazione in base art. 4 del D.M. 06/09/94. Ora l’inquilino mi chiede nuova valutazione perché sono trascorsi 2 anni. Chi deve sostenere i costi?

La risposta al quesito passa dagli oneri che vengono posti a carico del proprietario o dell’inquilino nel contratto.

Se la specifica indicazione dell’onere di valutazione non è prevista, sarà menzionato il regolamento delle spese di ordinaria e straordinaria amministrazione.

Quando il locatario, cioè chi occupa l’immobile, ha assunto contrattualmente i doveri di ordinaria e di straordinaria manutenzione, sarà suo compito occuparsi della presenza dell’amianto. Diversamente, l’onere ricade sul proprietario dell’immobile in quanto l’attività di bonifica dipende dallo stato di conservazione dell’immobile e non da ciò che viene svolto all’interno dello stabile (si confronti, Tar Lombardia, sent. n. 572/2017).

Pertanto, se all’inquilino è posto l’onere economico e amministrativo di sostenere le opere di straordinaria manutenzione, allora questi avrà anche l’onere di ottenere le valutazioni in commento, salvo che l’intervento non dipenda da colpa del proprietario.

Il fatto che, in zona, ci siano altri magazzini con il medesimo problema, purtroppo, non può esimere il Suo immobile dalla valutazione preventiva, richiesta dalla legge.

Sarebbe auspicabile, invece, che sia presentato un esposto/denuncia al Comune e alla Prefettura per portare a conoscenza gli enti preposti dell’esistenza di materiale pericoloso da bonificare.

Detto ciò, se nel contratto è previsto che le spese di straordinaria manutenzione sono posti in capo a Lei, allora si potrebbe ovviare a tale onere rappresentando che tale valutazione periodica non è stata prevista in contratto e che, salvo eventi che possano far presagire un cambiamento dello stato dei luoghi, non è necessario effettuare tale operazione, se non per iniziativa e a spese dell’inquilino.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube