Cartelle Equitalia, la notifica arriva via Pec alle ditte individuali

27 Agosto 2014
Cartelle Equitalia, la notifica arriva via Pec alle ditte individuali

Controllate sempre la vostra cartella di posta elettronica certificata; come cambia la riscossione; il comunicato di Equitalia.

Non ci saranno più soltanto le società di persone e quelle di capitali a ricevere le cartelle esattoriali di Equitalia nella propria casella di posta elettronica certificata. Anche chi ha una piccola ditta dovrà, da oggi in poi, controllare giornalmente le email in entrata. Infatti Equitalia ha appena reso noto che le cartelle di pagamento saranno notificate via Pec anche alle imprese individuali. La notizia è stata resa nota dallo stesso Agente per la Riscossione, con un comunicato ufficiale.

La legge, del resto, prevede che le cartelle di pagamento possono essere eseguite non solo con raccomandata a.r. ma anche con la posta elettronica certificata.

Ricordiamo che l’obbligo di dotarsi di una propria casella Pec “ufficiale” è già stato esteso alle ditte individuali, oltre che alle società. Il punto è però che non tutti gli interessati hanno adempiuto a tale obbligo, anche per via dell’incertezza sulle sanzioni in caso di inottemperanza.

La notifica tramite pec è equiparata in tutto a una notifica eseguita secondo le modalità tradizionali. Ne deriva, ad esempio, che se la cartella di pagamento è stata correttamente trasmessa con pec da oltre 60 giorni la stessa non sarà più impugnabile davanti al giudice.

Quale la conseguenza? Che non si potranno trovare scuse – come la perdita della password o l’aver avuto problemi di connessione a Internet o l’aver trovato difficoltà tecniche ad accedere al proprio account – se si è ricevuta una notifica via Pec e non se ne è preso visione. Infatti i termini per l’opposizione decorreranno ugualmente, anche se il destinatario non ha voluto/potuto aprire l’email certificata. E poi non ci sarà più una “seconda possibilità” per rimettere in gioco i termini e fare ricorso al giudice.

Attenti quindi: la Pec è una cosa seria. Non bisogna prendere sottogamba le email ricevute. Se avete dubbi sulla posta ricevuta fatela leggere subito al vostro commercialista o avvocato.


note

Autore immagine: 123rf com


1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube