Diritto e Fisco | Articoli

Droga per uso privato e revoca patente: per quanto tempo?

22 Luglio 2022 | Autore:
Droga per uso privato e revoca patente: per quanto tempo?

Com’è punito il consumo personale di sostanze stupefacenti? Guida sotto effetto di droghe: quali sono le sanzioni? Sospensione e revoca patente: differenza.

Drogarsi è illegale, anche quando l’assunzione è solo per uso personale: in questo caso, infatti, pur non essendoci reato si tratta comunque di un illecito amministrativo punito con sanzione del prefetto. Al di là dello spaccio, assumere sostanze stupefacenti può costituire reato in determinate circostanze: è il caso di chi, dopo aver fatto uso di droghe, si mette al volante dell’auto. Con questo articolo vedremo per quanto tempo è revocata la patente nel caso di droga per uso privato.

Come meglio spiegheremo a breve, bisogna distinguere la sospensione della patente dalla sua revoca: mentre la prima è sanzione amministrativa che consegue anche al semplice uso personale di droghe, la seconda è la sanzione prevista per chi è colto alla guida sotto effetto di sostanze stupefacenti. Se ne vuoi saperne di più, prosegui nella lettura: vedremo insieme per quanto tempo c’è la revoca della patente per droga per uso privato.

Droga per uso personale: è reato?

La droga per uso personale non è reato. Chi viene sorpreso mentre assume sostanze stupefacenti oppure semplicemente le ha con sé non subisce un processo penale se:

  • il quantitativo di droga è modesto;
  • le modalità del possesso non fanno pensare a un’attività di spaccio.

Ad esempio, chi viene trovato con una piccola bustina di marijuana non potrà essere arrestato perché l’uso personale è evidente; lo stesso per chi è sorpreso mentre fuma uno spinello.

Al contrario, anche una piccola quantità di droga può far scattare l’incriminazione per spaccio se è chiaro che la stessa verrà ceduta: ciò accade, ad esempio, se il soggetto si trova con la droga in una nota zona di spaccio, oppure se ha con sé gli strumenti tipici del pusher, come ad esempio il bilancino per pesare la sostanza, la carta stagnola per impacchettarla, ecc.

Droga uso privato: com’è punita?

La droga per uso privato non è reato ma è ugualmente punita dalla legge: come detto in apertura, infatti, la droga è sempre illegale.

Per la precisione, il consumo personale di sostanze stupefacenti è punito in via amministrativa con una delle seguenti sanzioni, applicate dal prefetto, in base alla gravità del fatto:

  • sospensione della patente di guida, del certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori o, nel caso in cui non se ne sia in possesso, divieto di conseguirli per un periodo fino a 3 anni;
  • sospensione della licenza di porto d’armi o divieto di conseguirla;
  • sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente o divieto di conseguirli;
  • sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo o divieto di conseguirlo se cittadino extracomunitario [1].

Queste sanzioni possono anche cumularsi, nel senso che il prefetto può decidere tanto la sospensione della patente di guida quanto quella della licenza del porto d’armi.

Uso privato di droga: quando c’è revoca della patente?

Diversa è la revoca della patente nel caso di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. In questo caso, la legge [2] prevede una doppia sanzione amministrativa:

  • la sospensione della patente da 1 a 2 anni. La sospensione della patente va da 6 mesi a 2 anni nel caso in cui il conducente si rifiuti di sottoporsi agli accertamenti per la verifica dell’assunzione di sostanze stupefacenti;
  • la revoca della patente per 3 anni, ma solo nel caso di recidiva nel triennio.

Ciò a prescindere dal fatto che la guida sotto effetto di sostanze stupefacenti costituisce sempre reato, punito con l’arresto da sei mesi a un anno e l’ammenda da 1.500 a 6.000 euro.

Revoca e sospensione patente: differenza

Qual è la differenza tra la sospensione e la revoca della patente? È presto detto:

  • nel caso di sospensione, per ottenere la restituzione della patente bisogna attendere che sia trascorso il periodo stabilito dalla sanzione e, poi, fare una visita presso la commissione medica per accertare l’idoneità alla guida del conducente;
  • in caso di revoca della patente, invece, non è più possibile guidare se non rifacendo gli esami. In altre parole, terminato il periodo di revoca, bisogna nuovamente seguire tutta la procedura che consente di acquisire la patente, come se fosse la prima volta. La revoca, infatti, è provvedimento definitivo.

Revoca patente per droga uso privato: per quanto tempo?

In sintesi, possiamo così riassumere quanto detto sinora:

  • chi viene trovato in possesso di droga o mentre ne sta facendo uso e non si trova alla guida, rischia la sospensione della patente fino a 3 anni;
  • chi guida sotto effetto di sostanze stupefacenti è punito con la sospensione della patente da 1 a 2 anni, oltre al fatto che la condotta costituisce sempre reato;
  • chi viene sorpreso a guidare nuovamente sotto effetto di sostanze stupefacenti entro tre anni dall’ultima volta (recidiva nel triennio), rischia la revoca della patente per 3 anni.

note

[1] Art. 75, d.P.R. n. 309/90.

[2] Art. 187 cod. str.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube