Diritto e Fisco | Articoli

Libretto Famiglia: l’omissione delle comunicazioni è sanzionata?

26 Febbraio 2022
Libretto Famiglia: l’omissione delle comunicazioni è sanzionata?

Ho comunicato tardivamente all’Ispettorato del lavoro una prestazione effettuata tramite Libretto Famiglia. Sono sanzionabile?

L’Ispettorato nazionale del lavoro (Inl), con la circolare n. 5 del 9 agosto 2017 è intervenuto fornendo le prime indicazioni operative al personale ispettivo, nonché alcuni chiarimenti sul regime sanzionatorio in materia di prestazioni occasionali introdotte dall’ art. 54-bis del d.l. n. 50/2017 (l. n. 96/2017).

In particolare, il superamento da parte dell’utilizzatore, per ogni singolo prestatore del limite economico di 2.500 euro (comma 1 lettera c) o del limite di durata della prestazione pari a 280 ore nell’arco di un anno civile (comma 20), comporta la trasformazione del relativo rapporto nella tipologia di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato a far data dal giorno del superamento del predetto limite, con applicazione delle connesse sanzioni civili e amministrative.

L’Inl precisa che l’applicazione delle suddette sanzioni e la trasformazione del rapporto non opera nel caso in cui l’utilizzatore sia una pubblica amministrazione.

Diversamente, la violazione del divieto di acquisire prestazioni di lavoro occasionali da soggetti con i quali l’utilizzatore abbia in corso o cessato da meno di sei mesi un rapporto di lavoro subordinato o collaborazione coordinata e continuativa (comma 5), comporta la conversione ex tunc dello stesso nella tipologia ordinaria del lavoro a tempo pieno e indeterminato, con applicazione delle relative sanzioni civili e amministrative laddove sia accertata la natura subordinata dello stesso.

Viene chiarito inoltre che tali divieti non trovano applicazione in relazione al personale utilizzato attraverso lo strumento della somministrazione.

Le sanzioni finora elencate riguardano sia il libretto di famiglia, che il contratto di prestazione occasionale.

Diversamente, le sanzioni relative alla violazione dell’obbligo di comunicazione preventiva e dei divieti di cui al comma 14, cioè gli utilizzatori con più di 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato, le imprese del settore dell’edilizia e settori affini e del settore agricolo, salvo per le attività rese dai soggetti di cui al comma 8, riguardano unicamente il contratto di prestazione occasionale.

Specificatamente l’art. 54-bis comma 20 prevede una sanzione pecuniaria da 500 a 2500 euro per ogni prestazione lavorativa giornaliera per cui risulti accertata la violazione. In tali ipotesi non trova applicazione la procedura di diffida (art.12 D. Lgs n.124/2004) e la sanzione ridotta è pertanto pari a 833,33 euro per ogni giornata non tracciata da regolare comunicazione.

L’Inl precisa che, tale sanzione, verrà applicata laddove la comunicazione sia effettuata in ritardo o non contenga tutti gli elementi richiesti oppure nei casi in cui tali elementi non corrispondano a quanto effettuato, chiarendo che si applicherà la suddetta sanzione ogniqualvolta la prestazione sia comunque possibile in ragione del mancato superamento dei limiti economici e temporali (280 ore) e che tale prestazione possa considerarsi occasionale in ragione della presenza di analoghe prestazioni lavorative precedenti correttamente gestite.

In assenza di anche uno solo dei predetti requisiti, troverà applicazione la c.d. maxi sanzione per lavoro nero, laddove concorra il requisito della subordinazione.

Ciò doverosamente premesso, nel caso di specie, la tardiva comunicazione della prestazione resa mediante ricorso a Libretto di Famiglia non è soggetta a sanzione, in quanto la circolare Inl n. 5/2017 in parola, espressamente specifica che le sanzioni conseguenti le mancate o incomplete comunicazioni riguardano esclusivamente le prestazioni di lavoro occasionale e non anche quelle rese mediante Libretto di famiglia.

 tratto da una consulenza resa dall’avv. Valentina Azzini



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube