Diritto e Fisco | Articoli

Sì alla detrazione per la stufa a pellet

30 Agosto 2014
Sì alla detrazione per la stufa a pellet

Ho deciso di installare una stufa a pellet. Posso fruire della detrazione 50%?

Può essere agevolata al 55-65% [1] anche l’installazione di impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, come la legna, il pellets, il cippato, il mais, il biodiesel ecc. (come risulta dalle faq pubblicate dall’Enea e precisamente dalla 42) o impianti di riscaldamento che utilizzano fonti rinnovabili [2].

La detrazione è possibile solo nell’ambito della riqualificazione energetica generale dell’edificio, che consente di ottenere un valore di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% ai valori del decreto del ministro dello Sviluppo economico 11 marzo 2008 [3].

La nuova caldaia a biomasse deve rispettare anche le condizioni previste dall’articolo 1, comma 2, del decreto ministeriale 11 marzo 2008. La detrazione, inoltre, “prevede che l’intervento debba essere riferito all’intero edificio e non alle singole unità immobiliari che lo compongono» e che «la documentazione che occorre approntare, anche qualora l’intervento riguardi la singola unità immobiliare, deve fare riferimento all’edificio nel quale essa è inserita” [4].
In alternativa al bonus Irpef ed Ires del 55-65%, se l’intervento è realizzato su un’unità immobiliare a destinazione abitativa, si rende applicabile la detrazione (solo Irpef) del 36-50% [5], in quanto è considerata un’opera finalizzata al risparmio energetico non qualificato. In particolare, sono agevolati al 36-50%, infatti, i “generatori di calore che utilizzino come fonte energetica prodotti di trasformazione di rifiuti organici ed inorganici o di prodotti vegetali a condizione che, in condizione di regime, presentino un rendimento, misurato con metodo diretto non inferiore al 70%” [6].


note

[1] Legge 296/2006.

[2] Faq Enea 11.

[3] Art. 1, comma 344, legge 27 dicembre 2006, n. 296.

[4] Faq Enea 42

[5] Art. 16-bis, Tuir.

[6] Art. 1, comma 1, lettera g, Dm 15 febbraio 1992; circolare ministeriale 24 febbraio 1998, n. 57/E.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube