Diritto e Fisco | Articoli

Multa per eccesso di velocità senza autovelox

20 Febbraio 2022
Multa per eccesso di velocità senza autovelox

La percezione dell’agente di polizia stradale che accerta una velocità non adeguata alle caratteristiche della strada senza l’impiego di strumenti tipo autovelox deve essere supportata da circostanze oggettive da indicare dettagliatamente nel verbale. Diversamente, la multa per violazione dell’art. 141 del Codice è facilmente annullabile dal giudice di merito.

L’autovelox è uno strumento (quasi) infallibile per accertare l’eccesso di velocità. Ma se un poliziotto, durante il normale servizio dovesse essere sprovvisto di qualsiasi misuratore elettronico di velocità e proprio in quel frangente dovesse accorgersi di un’auto che va veloce, potrebbe ugualmente multare il conducente? Sarebbe tenuto a fermarlo? Cosa prescrive la legge a riguardo?

Contrariamente a quanto si può ritenere è comunque possibile elevare la multa per eccesso di velocità senza autovelox, ma in tali ipotesi, non essendovi la prova meccanica dell’infrazione, dovranno sussistere circostanze oggettive che possano condurre l’agente a ritenere sussistente la violazione del Codice della strada. Inoltre, per come vedremo a breve, il verbale è più facilmente impugnabile: difatti le semplici valutazioni del pubblico ufficiale – quelle cioè che non sono il frutto di una percezione sensoriale dei fatti (come l’attraversamento del semaforo con il rosso) ma di un processo logico-deduttivo – non fanno piena prova. 

Procediamo dunque con ordine e vediamo cosa succede in caso di multa per eccesso di velocità senza autovelox e come difendersi.

Eccesso di velocità: è necessario l’autovelox?

La norma che sanziona l’eccesso di velocità, ossia l’articolo 141 del Codice della strada, è stata scritta quando ancora gli autovelox non esistevano. Ragion per cui essa, in linea generale, consente l’accertamento dell’infrazione anche in assenza di misuratori elettronici. L’automobilista – dispone il Codice della strada – deve sempre regolare la velocità tenendo conto non solo delle caratteristiche del veicolo ma anche delle condizioni della strada e del traffico. E per verificare il rispetto di tale condotta non c’è bisogno di strumenti per il rilevamento della velocità.

Dunque, l’articolo 141 rimette alla valutazione del poliziotto l’accertamento dell’infrazione. Una valutazione che, come spiegato dalla Cassazione [1], deve però essere supportata da «circostanze oggettive» – ossia da elementi che possano essere in qualsiasi momento verificati – che vanno indicati dettagliatamente nel verbale. In assenza di specificazioni, la multa è illegittima.

Il verbale, dice la Cassazione, deve quindi essere analitico e ben motivato. Siccome l’art. 141 del Codice stradale impone all’automobilista di regolare la velocità in proporzione alle condizioni ambientali, prosegue l’ordinanza, spetta all’agente di polizia valutare discrezionalmente la condotta. A tal fine, bisogna dettagliatamente indicare nel verbale le circostanze di fatto da cui ha tratto il proprio giudizio al fine di consentire all’automobilista «l’esercizio del controllo su di esse nonché sul loro grado di persuasività in relazione alla contestazione effettuata». In pratica, non basta la professionalità dell’agente per sostenere una multa per velocità pericolosa.  

Multa senza autovelox: la polizia deve contestarla immediatamente?

Anche se la constatazione dell’eccesso di velocità avviene in assenza di autovelox, il poliziotto non è tenuto a fermare sempre l’automobilista se ciò è impossibile o può costituire un pregiudizio per la circolazione. Valgono quindi le stesse regole previste per gli autovelox. Ossia la contestazione immediata non è obbligatoria nei casi (ad esempio) di impossibilità di raggiungere un veicolo lanciato ad eccessiva velocità; attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa; sorpasso vietato, ecc.

Risultato: se un poliziotto che si trova all’interno della propria auto o sul margine della strada, si accorge di un automobilista che va veloce, può prendere gli estremi della sua targa e poi, dopo aver compilato il verbale nel proprio ufficio, spedirgli la multa a casa. 

Peraltro, in un precedente recente, la Cassazione ha ritenuto teoricamente possibile anche la constatazione dell’eccesso di velocità effettuata all’interno dell’auto della polizia, ma questa non può basarsi solo sulla lettura del proprio tachimetro (leggi Eccesso di velocità: la polizia può basarsi sul tachimetro?).

Si può contestare una multa per eccesso di velocità senza autovelox?

Sicuramente, è più facile contestare una multa per eccesso di velocità accertato senza il supporto elettronico come l’autovelox, il tutor o il telelaser. Innanzitutto, è possibile sollevare opposizione tutte le volte in cui l’organo accertatore non rispetta le indicazioni fornite dalla Cassazione di cui abbiamo parlato sopra: ossia quando il verbale si limita a indicare che l’automobilista superava i limiti di velocità senza però indicare gli elementi da cui ciò è stato desunto. 

C’è, in secondo luogo, un ulteriore elemento che rende facilmente contestabile il verbale. Per comprenderlo bisogna fare un passo indietro. Tutte le multe hanno «pieno valore di prova» ossia fanno fede pubblica in quanto la parola del pubblico ufficiale si ritiene dotata di maggiore autorevolezza ed attendibilità rispetto a quella del cittadino. Il quale può sempre contestarne le fondamenta (ad esempio asserendo che il verbalizzante ha detto una bugia) ma per farlo dovrebbe innanzitutto avviare un particolare procedimento chiamato «querela di falso» (ulteriore quindi rispetto all’impugnazione del verbale); e in quella sede dovrebbe fornire tutte le prove della falsità dichiarata dal verbalizzante.

Tale regola però vale solo per tutto ciò che è stato visto o sentito dagli agenti, ossia che è il frutto delle percezioni sensoriali, quelle oggettive, che difficilmente si possono scalfire o possono essere indotte in errore. Non vale invece per le valutazioni, per i processi logico-deduttivi che sono frutto quindi di analisi personali, considerazioni. Per queste ultime infatti «la parola del pubblico ufficiale vale quanto quella del cittadino» e dunque può essere contestata anche senza la querela di falso. 

Per approfondire questo tema leggi Che valore ha il verbale della polizia. Ne deriva la maggiore facilità di sollevare opposizione contro la multa per eccesso di velocità elevata senza autovelox essendo il frutto di una valutazione soggettiva dell’agente e non della lettura oculare di un display elettronico. 


Cassazione civile sez. VI, 11/06/2014, (ud. 04/03/2014, dep. 11/06/2014), n.13264

CONSIDERATO IN FATTO

Con sentenza n. 522 del 2011 (depositata il 23 marzo 2011) il Tribunale di Treviso accoglieva l’appello proposto dal Comune di PAESE nei confronti di T.A. avverso la sentenza n. 1919/2008 del 16.12.2008 del Giudice di pace di Treviso, che – in accoglimento del ricorso – aveva annullato il verbale della polizia n. 362/2008, con ciò statuendo il rigetto dell’opposizione proposta L. n. 689 del 1981, ex art. 22, dall’appellato e conseguentemente confermata la sanzione amministrativa irrogata per violazione dell’art. 141 C.d.S., comma 3.

Il T. ha proposto ricorso per cassazione (notificato il 21.9.2011 e depositato il 28.9.2011) nei riguardi della predetta sentenza formulando un unico motivo con cui ha censurato la violazione e falsa applicazione degli artt. 2697, 2699 e 2700 c.c., nonchè della L. 24 novembre 1981, n. 689, art. 23, comma 12, e dell’art. 201 C.d.S., oltre ad insufficiente ed illogica motivazione.

L’intimata Amministrazione non si è costituita in questa fase.

Il consigliere relatore, nominato a norma dell’art. 377 c.p.c., ha depositato la relazione di cui all’art. 380 bis c.p.c., proponendo l’accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN DIRITTO

Vanno condivise e ribadite le argomentazioni e le conclusioni di cui alla relazione ex art. 380 bis c.p.c., che di seguito si riporta:

“L’unico mezzo articolato dal ricorrente riguarda la presunzione di verità attribuita dal giudice del gravame al verbale di accertamento in contestazione nonostante lo stesso fosse stato redatto in violazione dell’art. 201 C.d.S., non recando gli estremi precisi e dettagliati della violazione. La critica parrebbe meritevole di accoglimento.

A mente dell’art. 2700 c.c.. L’atto pubblico fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato, nonchè delle dichiarazioni delle parti e degli altri fatti che il pubblico ufficiale attesta avvenuti in sua presenza o da lui compiuti. La norma fa dunque riferimento ai fatti verificatisi in presenza del pubblico ufficiale. Le Sezioni Unite di questa Corte di recente (SS.UU. n. 17355 del 2009) hanno affermato che nel giudizio di opposizione ad ordinanza ingiunzione relativo al pagamento di una sanzione amministrativa è ammessa la contestazione e la prova unicamente delle circostanze di fatto della violazione che non sono attestate nel verbale di accertamento come avvenute alla presenza del pubblico ufficiale.

Ricadono in tale disciplina accadimenti e circostanze (da descrivere con indicazione delle particolari condizioni soggettive ed oggettive dell’accertamento, ricordano le Sezioni Unite) avvenuti alla presenza del pubblico ufficiale, quali il passaggio di un’autovettura con semaforo rosso o l’uso della cintura di sicurezza o il puntamento di apparecchiatura elettronica per il calcolo della velocità di un veicolo, indipendentemente dalla condizione dinamica o di stasi dell’autore del fatto e del mezzo usato.

Nel caso di specie, ciò che è avvenuto alla presenza del pubblico ufficiale e che poteva essere attestato con fede privilegiata è solo il transito del veicolo in movimento in quella strada.

Tanto chiarito, secondo l’art. 141 C.d.S., la pericolosità della condotta di guida deve essere desunta dalle caratteristiche e dalle condizioni della strada e del traffico e da ogni altra circostanza di qualsiasi natura. Essa di per sè non costituisce un fatto storico, che possa essere attestato, ma è il portato di un giudizio, di una valutazione sintetica, che è desunta dagli elementi indicati dal legislatore. Il giudizio di pericolosità implica un’attività di elaborazione da parte dell’agente accertatore, il quale deve rilevare i fatti che stanno avvenendo (condizione del veicolo, della strada, del traffico) e sottoporli a critica, per desumerne la valutazione di congruità ai criteri di buona condotta di guida o, appunto, di pericolosità. Ne consegue che detta valutazione è priva di efficacia probatoria privilegiata.

Inoltre va osservato che il rilievo secondo cui l’accertamento della violazione dell’art. 141 C.d.S., che impone all’automobilista di regolare la velocità in modo da evitare ogni situazione di pericolo, è dalla legge rimesso al giudizio discrezionale dell’agente, incide sulla necessità che questi indichi nel verbale – per un generale obbligo di motivazione degli atti amministrativi, che, in materia di violazioni del codice della strada, si sostanzia anche nel particolare contenuto della contestazione e del relativo verbale (artt. 200 e 201 C.d.S., e art. 383 reg. C.d.S.) – le circostanze di fatto da cui ha tratto il proprio giudizio, al fine di consentire l’esercizio del controllo su di esse nonchè sul loro grado di attendibilità e di persuasività in relazione alla contestazione effettuata (v. Cass. n. 2238 del 2008).

Orbene, nel caso di specie il Tribunale di Treviso ha negletto tale insegnamento, respingendo l’opposizione sul presupposto che pur non avendo il verbale di contestazione valore di atto fide facente, la sua provenienza da soggetto professionalmente addestrato ed abilitato proprio alla valutazione delle caratteristiche della circolazione stradale, assumeva valore di mera presunzione, che ammetteva prova contraria, non fornita dall’appellato-opponente.

Appare evidente l’erroneità della statuizione de qua per essere il convincimento fondato su un accertamento effettuato dagli agenti nel rilevare la velocità mantenuta dal T. senza alcun riferimento a circostanze oggettive, tale non potendosi ritenere l’abilità professionale dell’agente accertatore, posto che la percezione dell’agente nella valutazione della pericolosità della guida non può portare ad una sostanziale incontestabilità del relativo giudizio.

In definitiva, ritiene il relatore che appaiono sussistenti le condizioni per pervenire all’accoglimento del ricorso avanzato nell’interesse del T. per sua manifesta fondatezza”.

Gli argomenti e le proposte contenuti nella relazione di cui sopra, alla quale non sono state rivolte critiche di sorta, sono condivisi dal Collegio, peraltro omesso in sentenza qualunque riferimento al contenuto del verbale di contestazione, neanche riportato nella motivazione.

Il ricorso va, pertanto, accolto e l’impugnata sentenza va annullata, di conseguenza, la causa deve essere rinviata per nuova valutazione ad altro giudice del merito che va identificato nel Tribunale di Treviso, in persona di diverso magistrato, cui ex art. 385 c.p.c., è rimesso di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

PQM

La Corte, accoglie il ricorso;

cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per la liquidazione delle spese di questo grado di giudizio, al Tribunale di Traviso, in persona di diverso magistrato.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Sesta – 2 Civile della Corte di Cassazione, il 4 marzo 2014.

Depositato in Cancelleria il 11 giugno 2014


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube